AMBURGO TRIANGOLARE UNDER 20

HASSANE_FOFANA_copy
Ad Amburgo nel triangolare Under 20 Germania, Italia e Francia, la formazione azzurra si è messa in evidenza nel salto in alto, con Desiree Rossit, l'atleta del Friuli Venezia Giulia, allenata da Luca Toso è tesserata per la società' Udinese Malignani. Rossit è andata a vincere la sua gara con la misura di 1 metro e 86. Sempre nell'alto Gianmarco Tamberi portacolori della Bruni pubblicità atletica Vomano, vince con 2 metri e 16 a un solo centimetro dal suo personale stabilito poche settimane fa agli italiani di categoria. Altro primo posto importante è quello dell'astista reatina, Roberta Bruni, dell’Atletica Studentesca Cassa Risparmio Rieti, che con la misura di 4 metri e 10 mette alle sue spalle le due tedesche Schnitzer Ling Lilian (4.05) e Donie Michaela (4.05).

 

Nei 60 piani Galbieri Giovanni, atleta originario della provincia di Verona, riesce ad avere ragione del più forte e titolato atleta francese, Anouman Guy-Elphege, detentore del record di categoria nei 200 metri piani della Francia è che stato recentemente eletto atleta dell'anno della repubblica cisalpina. Galbieri originario di Negrar piccolo e antico paese del veronese, ha messo alle sue spalle Anouman dopo aver duellato con lui in batteria con il crono che ha dato al francese sul fotofinish un 6"85, ma nella finale il veronese ha messo alle spalle il cisalpino con un 6"82. Nei 400 metri piani il trentino Marco Lorenzi, primatista italiano nella categoria allievi, si fregia dell''argento correndo i 400 metri con il tempo di 48"85 (P.B), dietro il francese Peter Chalus (48"47).

Nei 1500 metri Massimiliano Falconi altro atleta della provincia di Verona portacolori dell'Atletica Insieme New Foods, si piazza al terzo posto con il crono di 4:03,82, nella gara vinta dal tedesco Abish Stephan con 4'02"09. Nei 60 ostacoli Hassan Fofana, bergamasco, allenato da Alberto Barbera, dell'atletica Bergamo 1959, arriva terzo stabilendo 7"98 in batteria e 8"03 in finale. Nel salto in lungo Riccardo Serra della Fratellanza Modena supera i 7 metri e 29, conquistando un bronzo nella gara vinta dal francese Szezesny Florent, atleta che ha ammazzato la gara al primo salto con la misura di 7 metri e 65. Altro terzo posto nel triplo ad opera del pugliese Dimitris Mouratidis dell'Aden Exprivia Molfetta, al bronzo con 15,15 nella gara vinta dal forte atleta proveniente dalla prove multiple il francese Cretinoir Jean-Noel.

Nella marcia il trevigiano Lorenzo Dei Tos (Libertas Tonon) è giunto terzo con 21:36,41. Vittoria per l'Italia nella 4x200 formata da Angelini Lorenzo Lorenzi Marco Valbonesi Luca e Tricca Michele con 1:28,79.

Tra le donne in evidenza Anna Bongiorni, giovane atleta del CUS Pisa Atletica Cascina, allenata dal padre Giovanni, ex velocista azzurro. Anna si è piazzata al terzo posto nei 60 piani con il 7"61 (7"51 in batteria). Terzo posto anche per la romana Flavia Battaglia, (Fondiaria Sai) nei 400 metri piani con 56,96. Nei 1500 metri piani Valeria Lori, anch'essa allenata da un insigne papà (Maurizio Lori) portacolori dell'Atletica Studentesca Ca.Ri.Ri, sigla il crono di 4'45"78. Salto in lungo con ennesimo terzo posto per la veneta Giada Palezza, con la misura di 5 metri e 80, nella gara andata alla tedesca proveniente dalle prove multiple Tilia Udelhoven (6 metri e 61) decima nel 2010 ai mondiali giovanili di Moncton. Argento per la vicentina Ottavia Cestonaro (12.76) che a poche settimane del suo personale di 12 .90 si è piazza ad Amburgo dietro la forte francese Galle Sokhna, seconda classificata a Singapore nei Youth Olympic Games e vincitrice nel triangolare con la misura di 13 metri netti.

Nel lancio del peso l'atleta della provincia di Venezia, Stevanato Francesca, portacolori della società Audace,  lancia a 14,43 terza classificata dietro alle tedesche  Lena Urbani (16.27) e Zaumsegel Kristin 15.55. Nei 3000 metri di marcia un'altra veterana di Singapore, la tarantina Anna Clemente si è piazzata al secondo posto con il tempo di 13:59,41, dietro la tedesca Czychy Charlyne vincitrice con 13'33"04. Infine nella 4x200 la formazione italiana composta da Bongiorni, Battaglia, Siragusa, Hooper si è piazzata al terzo posto con il crono di 1'39"24. La squadra maschile nel finale del triangolare è arrivata al terzo posto, mentre quella femminile forte anche di due primi posti nel alto e nell'asta si è classificata al secondo posto.