E’ stata una bella festa di fine stagione agonistica dei master della pista; l’ennesima occasione per ritrovarsi in questa comunità con legami amicali sempre più saldi. Eppoi la partecipazione di Salò ha dato evidenza a due aspetti: 1) il senso di questa manifestazione, che merita di aver seguito, con qualche ritocco, ma nella certezza che sarà ancor più alta la risposta TrofeoRegioni2017di adesione da parte dei vari comitati regionali; 2) la fame di manifestazioni di richiamo nazionale dedicate ai master, perché è ormai evidente che i master vogliono gareggiare dippiù. Insomma l’esame è stato superato, la scommessa (in particolare da parte di Gerardo Vaiani-Lisi) vinta; perciò già qui s’è abbozzato alla prossima edizione, con qualche ritocco migliorativo.

 
Sabato a Salò a rovinar la festa poteva essere la conduzione inadeguata (a volte anche incompetente) delle gare, che ha portato ad un ritardo finale superiore alle due ore. Da orario ufficiale si sarebbe dovuto concludere il programma-gare entro le 19,00 ed invece le premiazioni (farlocche) delle squadre sono state mandate in scena verso le 21,30; con tanta gente che fremeva per ripartire verso casa. E’ inconcepibile poi che i risultati siano stati pubblicati sul sito della FIDAL a distanza di due giorni e mezzo.
 

Le classifiche e le premiazioni delle singole gare sono state in più casi riviste anche a premiazioni già effettuate. Tra le corsie e le pedane non sono mancati episodi al limite del surreale. Il confronto vissuto (molto positivamente) a Montecassiano per la Finale dei C.d.S. Master di due settimane è stato molto stridente: là c’erano 48 squadre contro la metà di Salò; inoltre a Montecassiano l’impegno e le complicazioni erano estese a due giornate di gare. C’è stata l’ennesima sottovalutazione di una manifestazione master, questa volta da parte del Comitato della Lombardia. Purtroppo dobbiamo tornare a sollecitare la Federazione che a queste manifestazioni vengano destinati delegati tecnici e giudici con un’adeguata conoscenza delle specificità dell’atletica master.
 

Passando alla cronaca agonistica solo da poche ore finalmente è stata scritta la parola definitiva sulla classifica per squadre regionali. Per rendere l’idea del caos generato: sabato nella premiazione sul campo effettuata a tutti i costi non appariva tra le prime sei formazioni maschili l’Emilia-Romagna, che invece a conti fatti (forse bene) è risultata poi al terzo posto. Sulla vittoria della squadra maschile e di quella femminile della Lombardia non c’erano dubbi di sorta, tanto è stata plateale la loro superiorità. Va detto invece che ancora qualche dubbio esiste sulle squadre qualificate dal secondo posto in poi, perché ci sono punteggi finali che non trovano coincidenza con calcoli che autonomamente abbiamo sviluppato. Ad esempio, alle prime tre formazioni maschili sono stati attribuiti questi punteggi: Lombardia 29,50 – Veneto 46,5 – Emilia-Romagna 52,0. A noi risultano invece rispettivamente: 35,5 – 49 – 63. A questo punto mettiamoci lo stesso una pietra sopra e accettiamo questo verdetto ufficiale:
 

Classifica Maschile
1° 29,5 LOMBARDIA (12)
2° 46,5 VENETO (12)
3° 52,0 EMILIA ROMAGNA (12)
4° 78,5 TOSCANA (12)
5° 79,0 FRIULI VENEZIA GIULIA (12)
6° 84,0 ALTO ADIGE (12)
7° 93,5 PIEMONTE (12)
8° 118,0 MARCHE (12)
9° 132,5 UMBRIA (12)
10° 132,5 PUGLIA (12)
11° 160,0 VALLE D'AOSTA (12)
12° 160,5 LIGURIA (12)
13° 198,0 CAMPANIA (12)
14° 119,5 TRENTINO (11)
15° 43,0 LAZIO (2)
16° 15,0 CALABRIA (1)

Lombradia2017 

Classifica Femminile
1° 37,0 LOMBARDIA (12)
2° 71,0 TOSCANA (12)
3° 74,5 FRIULI VENEZIA GIULIA (12)
4° 76,5 VENETO (12)
5° 79,5 LAZIO (12)
6° 85,0 PIEMONTE (12)
7° 85,0 ALTO ADIGE (12)
8° 108,5 EMILIA ROMAGNA (12)
9° 110,0 LIGURIA (12)
10° 118,5 VALLE D'AOSTA (12)
11° 136,5 MARCHE (12)
12° 164,0 PUGLIA (12)
13° 98,0 CAMPANIA (9)
14° 32,0 TRENTINO (3)
15° 2,0 SARDEGNA (2)
 

Le gare individuali hanno espresso ancora una volta alcune prestazioni di grande valore, non ostante il finale di stagione abbia trovato i più in forma calante. Il colpo grosso, in parte annunciato, l’ha messo a segno Emanuela BAGGIOLINI (10/06/1972) sui 200 ostacoli in cui senza avversarie a stimolarla è arrivata sul traguardo in 29”51 (vento -1,1) e quindi al record italiano SF45, precedente 32”83 di Barbara FERRARINI. Per la statistica Emanuela ha corso meglio anche del suo stesso record SF40 di 29”65 (nel 2015) e di quello riconosciuto dalla Fidal della categoria SF35 di Marzia CARAVELLI che sempre nel 2015 ha corso in 29”62. In questa gara molta vicina al record delle SF50 (32”29) è andata Barbara FERRARINI con il crono di 32”34. La BAGGIOLINI circa un’ora dopo ha concesso il bis correndo gli 800 metri in un pregevolissimo 2’19”74.
 

Nei 3000 metri era in gara l’ex-nazionale Nadia DANDOLO (1962-SF55) che ha dato luogo ad una eccellente prova cronometrica in coppia con Elena FUSTELLA (1961-SF55) con tempi rispettivamente di 11’03”13 e 11’08”15. Nel salto triplo la vittoria (ai punti) è andata alla romana Maria Grazia RAFTI (1951-SF65) che s’è vista attribuire al primo salto la misura di 8,65 ovvero il nuovo record italiano di categoria. Nel getto del peso l’ukraina da molti anni in Italia Lyubov DOVHOPOLYUK (1961-SF55) s’è imposta con una bordata a 11,02.
Nei 200 metri ha vinto Gianna LANZINI (1960-SF55) con il tempo di valore per la sua categoria di 29”15; e Giusy SANGERMANO (1946-SF70) con 34”63 ha siglato l’age-record F71 strappandolo a Emma MAZZENGA. Sul finale di manifestazione ha fatto sensazione il tempo nella staffetta 4x100 del quartetto LOMBARDIA (Daniela Cesana 1982, Marinella Signori 1963, Patrizia Pasini 1961, Paola Pasini 1961) qualificato come SF50 che ha chiuso in 54”00, tempo inferiore al record della categoria corso in 54”45 dall’Atletica Ambrosiana proprio quest’anno.  

Nelle gare maschili Walter COMPER (1966-SM50) ha vinto il duello dei 200 metri con il rientrante Mauro GRAZIANO (1966-SM50) per 24”01 a 24”53. Però il tempo più interessante è di Valter ROSSI (1956-SM60) in 26”00, il nome nuovo della velocità master italiana apparso sulle piste da soli pochi mesi. Negli 800 metri ha vinto Konrad GEISER (1947-SM70) con 2’34”37; e da segnalare Alfredo BONETTI (1958-SM55) che con 2’15”92 ha segnato l’age-record M59. La pista di Salò ha fatto da battesimo nel mondo master dell’atleta più sorprendente dell’anno, Davide RAINERI (1973-SM40), che s’è esibito in una cavalcata solitaria conclusa in 8’35”44 strappando tanti applausi in tribuna. Con il passaggio alla categoria SM45, il lombardo è pronto la prossima stagione a grandi prestazioni record.
Nella pedana dell’asta Hubert INDRA (1957-SM60) ha saltato e vinto con l’ottima misura di 3,50. La gara del lungo non ha regalato misure record, ma comunque grandi prestazioni e spettacolo tecnico grazie a Gianni BECATTI (1963-SM50) vincitore (ai punti) con 6,39 (e il secondo salto nullo, ma tanto lontano). L’hanno accompagnato in pedana per un duello tra “over-40” Demetrio BONELL-MORA (1977-SM40) che ha piazzato un balzo da 6,99 contro il 6,82 di Pierluigi PUTZU (1977-SM40). Nel giavellotto è sceso in pedana uno tra i nostri migliori specialisti fino a una decina d’anni fa, Hubert GOELLER (1977-SM40), che ha deliziato i compagni di gara con un miglior lancio di 58,09. La prova di marcia sui 5000 metri ha visto vincere (ai punti) Romolo PELLICCIA (1936-SM80) in 30’31”82 (Age-record M81) su Ettorino FORMENTIN (22/03/1947-SM70) che tuttavia con 27’01”02 ha migliorato il suo stesso record di categoria di 27’19”03.
 

A Salò c’è stato anche il tempo per un confronto su idee e proposte proiettate all’anno prossimo. Pare che il calendario e le sedi siano a un buon punto di definizione.
 

Qui lo riassumiamo con l’avvertenza di considerarlo un calendario master 2018 ancora provvisorio:
febbraio 23-25: Campionati Italiani Indoor e Lanci Invernali (Ancona)
marzo 04: Campionati Italiani di Cross (Lucca)
marzo19-24: Campionati Europei Indoor (Madrid)
aprile 14-15: Campionato Pentalanci Invernale (Catania)
maggio 26: Master Athletics Team “Garda Lake” (Gavardo)
maggio 31: Golden Gala Roma (con gare master)
giugno 02-03: Campionati Prove Multipli + Staffette + 10000 (Matera)
giugno 16-17: Fase Regionale C.D.S. Master su Pista (sedi varie)
giugno 29-30-lu01: Campionati Italiani su Pista (Arezzo)
luglio 14: Trofeo delle Regioni (Misano)
settembre 05-16: Campionati Mondiali Stadia (Malaga)
settembre 29-30: Finale C.D.S. Master su Pista (Modena)
ottobre 06-07: Campionato Pentalanci Estivo (Pistoia ??)