TORINO 2009 – EUROINDOOR – GIORNO 1 – 60 OSTACOLI DONNE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

60hs DONNE

1° Turno

Passano il turno le prime tre, con il ripescaggio dei quattro migliori tempi.
Nella prima batteria, vince l'irlandese Derval O'Rourke, la campionessa mondiale del 2006, tornata in buona forma. Per lei 8.06, davanti alla tedesca Hildebrand e alla belga Davin. Soltanto quarta la spagnola Glory Alozie, ex campionessa europea, non più ai livelli di qualche anno fa.
Poi è scesa in pista Micol Cattaneo. Dopo una primo avvio anticipato della serba Jotanovic e una successiva falsa (con squalifica) della slovacca Bobkova, il terzo start è quello valido. L'azzurra si qualifica piuttosto facilmente, terza in 8.18, preceduta dalla ventunenne norvegese Vukicevic (8.05), protagonista nelle categorie giovanili, e dalla russa Solovyova. "Questa pista rialzata non è facile da interpretare, comunque è stata una buona prova, nonostante un po' di agitazione per le due false e l'emozione del correre in casa. E' una gara equilibrata, posso giocarmela per entrare in finale".
La successiva batteria è vinta dalla ceca Skrobakova in 8.07, stesso tempo della tedesca Nytra che stabilisce il personale. Terza la russa Kondakova, mentre la quarantenne francese Girard (due volte campionessa europea indoor) finisce rialzata, all'ultimo posto.
Nell'ultima prova eliminatoria primeggia la belga Eline Berings (8.00), che ha il miglior tempo delle iscritte, dopo che la spagnola Josephine Onyia non ha confermato la propria presenza. "Ho corso rilassata, sto molto bene". Seconda Sarah Claxton, terza a sorpresa la bielorussa Talai. Sono recuperati i tempi della quarta e della quinta, cioè la francese Billaud e la forte russa Antonova, oltre alla Alozie e alla Jotanovic che avevano corso precedentemente.

 

Semifinali

Nella prima semifinale, vittoria dell'irlandese Derval O'Rourke (8.00) dopo una falsa ("Poi sono partita male, ma sono riuscita a recuperare"), anche se la più veloce nella prima parte di gara era stata la tedesca Carolin Nytra, che però sul traguardo è soltanto quinta e perciò eliminata. Seconda la Vukicevic (8.02), terza Solovyova con lo stesso tempo, quarta la francese Cindy Billaud (8.05) che va in finale per questione di millesimi.
Sarah Claxton si aggiudica la seconda, eguagliando il record britannico (7.96). Bene anche la belga Berings (8.01, "Ho risparmiato le forze per la finale, dove spero di correre più forte") e la ceca Skrobakova (8.05), quarta la tedesca Hildebrand che si qualifica con un modesto 8.14. C'è rammarico per Micol Cattaneo: dopo una falsa da lei provocata, è troppo lenta al secondo sparo (0.233 il tempo di reazione) e chiude settima in 8.21. "La partenza è il mio punto debole, quindi era giusto provarci. Dopo sono stata presa in controtempo, sono tornata un po' sotto ma non a sufficienza", ci ha detto Micol, comprensibilmente dispiaciuta.

 

Finale

La ventiduenne belga Erine Berings conferma i favori del pronostico e vince nettamente il titolo europeo indoor, che aggiunge a quello juniores del 2005. Ha corso in 7.92, primato nazionale e miglior prestazione europea dell'anno. "Sapevo di essere in forma, ho corso una gara perfetta. Le grandi atlete belghe del recente passato, come Kim Gevaert e Tia Hellebaut, mi hanno dato la giusta ispirazione. L'anno scorso ho potuto vedere le Olimpiadi soltanto in tv, non essendomi qualificata". Seconda a sorpresa Lucie Skrobakova, 7.95 (record ceco), per relegare al terzo posto la co-favorita O'Rourke (7.97).

 

 

TORNA ALLA NEWS PRINCIPALE DEL GIORNO 1 

– 

LEGGI I RISULTATI DI QUESTA GARA IN TEMPO REALE SUL SITO EAA

fonte: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *