TORINO 2009 – EUROINDOOR – GIORNO 1 – PESO DONNE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

GETTO DEL PESO DONNE

Qualificazioni

Nel primo turno di lanci, in un Oval ormai pieno di pubblico, la tedesca Denise Hinrichs eguaglia il proprio personale con un notevolissimo 19.25, che se ripetuto in finale potrebbe valere senz'altro una medaglia pregiata. Bene anche la connazionale Lammert (18.67) e la romena Heltne (18.44). Per Assunta Legnante un lancio a 17.40, migliorato con un secondo a 18.09 che le garantisce la qualificazione diretta (il limite è posto a 18 metri esatti). "Il primo volevo appoggiarlo, in realtà mi è un po' scappato di mano, poi ho ottenuto quello che volevo, cioè andare in finale. Non è mai facile al mattino, con soli tre lanci a disposizione."
Purtroppo Chiara Rosa non riesce a dimostrare il proprio valore, è undicesima ed eliminata (16.61, 16.87, 15.46 la sua serie).

 

Finale

Assunta Legnante apre la gara con 17.59, mentre c'è subito un'ottima misura per la tedesca Hinrichs, 18.78, che è seguita in classifica dalla romena Heltne (18.38). Scende poi in pedana Petra Lammert, che piazza una bordata forse decisiva: 19.66, miglior prestazione mondiale dell'anno.
L'azzurra si migliora al secondo lancio, 18.05. Rimane al quarto posto, ma il bronzo si allontana perché la Heltne ottiene 18.70.
Nel terzo lancio, personale di Denise Hinrichs che arriva a 19.43, avvicinandosi alla Lammert. Nullo per la Legnante, che viene successivamente superata dalla russa Omarova (18.37 al quarto turno). L'azzurra chiude al quinto posto una gara che si chiude con un grande lancio della Hinrichs: 19.63, a soli tre centimetri dalla connazionale Lammert. Questo dunque il primo podio di Torino 2009: oro Lammert, argento Hinrichs, bronzo Heltne.

 

 

TORNA ALLA NEWS PRINCIPALE DEL GIORNO 1

LEGGI I RISULTATI DI QUESTA GARA IN TEMPO REALE SUL SITO EAA

fonte: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *