QUATTRO RUSSE SOPRA I 2MT DI ALTO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

A Mosca oggi la seconda giornata dei Campionati Russi Indoor è stata caratterizzata da interessanti risultati nel salto in alto femminile. Per la prima volta nella storia dell'atletica russa e sovietica, quattro atlete hanno superato i 2.00 metri nella stessa gara.

Il vero scontro è cominciato a 2.02m, saltati al primo tentativo dalla Campionessa Olimpica Yelena Yelesina, mentre la dententrice del record russo indoor Anna Chicherova ha dovuto attendere il terzo salto prima di poter passare la misura.
Marina Kuptsova, la Campionessa Europea Indoor, non è riuscita a superare i 2.02m, con suo grande disappunto poiché sperava di attaccare il record russo. L'altra atleta sopra i 2.00m era Svetlana Lapina, anche lei fermata dai 2.02m.
Chicherova ha provato un paio di volte a saltare i 2.06m, contro il parere del suo allenatore che le aveva consigliato si smettere, tuttavia l'asta è caduta entrambe le volte, negandole la vittoria e quello che sarebbe stato anche un record russo.

Un altro tentativo di stabilire un record è venuto dal salto con l'asta femminile, dove Tatyana Polnova ha provato tre volte a saltare 4.78m, vincendo poi con 4.60m.

Nei 400m femminili, Natalya Nazarova ha fatto segnare il suo miglior tempo stagionale con 50.57; Yulia Pechonkina è giunta seconda con 51.00, manter la Campionessa Europea Outdoor Olesia Zykina si è dovuta accontentare del terzo posto con 51.23.

Negli 800m, Yekaterina Puzanova ha ottenuto la vittoria con un tempo di 1:59.01, mentre Yekaterina Rozemberg è giunta seconda con 2:00.08. Irina Privalova non è riuscita a qualificarsi per la finale.

La Campionessa Mondiale Outdoor Tatyana Lebedeva ha vinto facilmente la gara di triplo femminile con 14.60m, mentre Ruslan Gataulin ha vinto la gara maschile del lungo con 8.07m.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *