GARCIA E SEGURA: LA MARCIA LI INCORONA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Sabato e domenica si è disputato a Tijuana, in Messico, il meeting di marcia “IAAF Race Walking Challenge”. Sabato ha preso il via la 20km, vinta da Bernardo Segura per gli uomini e da Gillian O'Sullivan per le donne. Domenica invece è stata la volta della 50km dove la medaglia d'argento ad Edmonton Jesùs Angel Garcia ha vinto con il buon tempo di 3:46:46, davanti al neozelandese Craig Barrett e al messicano Germàn Sànchez.

Segura, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996, e O'Sullivan, reduce dal suo recente record indoor nei 3000m in Irlanda, hanno fatto registrare i migliori tempi mai ottenuti in Messico nella 20km di marcia. In questo modo sono andati a vincere la prima gara dei sei appuntamenti previsti dal Challenge, che avranno come ultima prova quella a Parigi, ai Campionati del Mondo, il prossimo agosto.

Il trentatreenne Segura ha tagliato il traguardo in 1:19:06, davanti allo spagnolo Campione europeo Francisco Javier Fernandez, che tra l'altro è anche l'uomo più veloce su quella distanza (1:17:22). Fernandez è arrivato secondo a solo due secondi dal primo, facendo segnare 1:19:08.

Nella gara femminile disputata due ore prima O'Sullivan è andata a vincere la 20km portando a termine i dieci giri previsti in 1:29:55. La vittoria non è stata troppo difficile per lei, infatti la russa Nadezhda Ryashkina e la portoghese Susana Feitor, di norma capaci di buone prestazioni, sono arrivate seconda e terza ad una certa distanza dalla O'Sullivan.

Da segnalare che ad assistere le due gare di sabato erano presenti circa 30.000 spettatori, in una bellissima giornata dove la temperatura di 18 gradi, ed un po' di vento hanno fatto da cornice all'evento.

Nella gara di domenica, il trentatreenne originario di Madrid, Jesùs Angel Garcìa ha vinto facile grazie e soprattutto quando al 36° chilometro il messicano Omar Zepeda, dopo aver ricevuto un'ammonizione, si è fermato pensando di aver ricevuto un cartellino rosso che invece non era stato mai tirato fuori.
Da segnalare che solo 16 dei circa 50 atleti partiti hanno portato a termine i 25 giri da 2km. Sei gli squalificati.

Ora il Challenge trasloca in Europa, a Rio Major, in Portogallo, dove il 5 aprile si svolgerà la seconda prova.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *