CHERONO E LA MARCONI TRIONFANO A ROMA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Frederick Cherono e Gloria Marconi sono i vincitori della nona edizione della Maratona di Roma. Buoni i riscontri cronometrici, 2h08:47 per Cherono e 2h29:35 per la Marconi, ma soprattutto più di 50000 partecipanti totali, in gara per portare, ancora una volta, un importante messaggio di pace attraverso la corsa.

Le numerose bandiere color arcobaleno hanno rallegrato e reso particolare, più di qualunque altra cosa, una riuscitissima edizione 2003 della Maratona di Roma. 5.000 gli atleti iscritti alla 42 chilometri e 195 metri, più di 45 mila invece gli appassionati che hanno preso parte alla stracittadina di 5 km lungo un percorso che ha attraversato molti luoghi importanti della capitale: Piazza Venezia, piazza del Popolo, il Pincio, piazza Navona, piazza di Spagna e Trinità dei Monti, San Pietro, la Sinagoga e la Moschea, lo stadio Olimpico, il Pantheon, il Circo Massimo, l'Ara Pacis, il Teatro di Marcello, la Piramide, Fontana di Trevi, l'Arco di Costantino.

Nella gara competitiva il keniano Frederick Cherono (fratello dell'Henry Cherono vincitore due anni fa) ha conquistato la vittoria in 2h 08:47, precedendo di poco il connazionale Noah Bor (2h08:48) ed uno strepitoso Alberico Di Cecco (2h08:53, sesta migliore prestazione italiana all-time, nella foto). Il Carabiniere ha poi così commentato la sua gara: “Pensavo di aver sbagliato tutto, perché sono partito con molta circospezione. Il vento contrario mi ha infastidito, ma fortunatamente, nella seconda parte di gara, è girato, soffiando alle mie spalle. Ho ripreso fiducia ed il rush finale mi ha consentito di raggiungere la terza piazza. Sono felice, ho lavorato duramente con Donato Chiavatti, il mio allenatore, per raggiungere questo risultato; negli ultimi tempi ho praticamente consumato le spiagge di Pescara. Obiettivi? Ora un po' di pista, e poi, speriamo, la maglia azzurra per i Mondiali”. Tra gli altri italiani, 11esimo posto per Vito Sardella (2h16:34) e 13esimo per Giorgio Calcaterra (2h16:45).

E' già una stagione d'oro per Gloria Marconi, vincitrice due settimane fa della Roma-Ostia e giunta domenica al primo posto a Roma, al suo esordio in una Maratona, autrice di un 2h 29:35 che fa ben sperare per il suo futuro nella 42 km. Molto dietro le altre: al secondo posto l'ungherese Staicu (2h32:15), al terzo l'etiope Abeba (2h33:48). “Devo vedere quanto tempo ci vorrà per recuperare questa gara che ho sofferto molto, soprattutto negli ultimi 5 chilometri. Se il recupero riesce, mi piacerebbe partecipare al Challenge Europeo dei 10.000 metri, il 12 aprile ad Atene. Comunque, il mio primo obiettivo, rimane la maglia azzurra, con la convocazione per i mondiali di Parigi in maratona”, sono le parole della 34enne fiorentina (tesserata per la Cover Avo Verbania) vincitrice.

All'interno del sito web ufficiale www.maratonadiroma.it tutti i risultati completi e le foto della manifestazione.

fonte: www.maratonadiroma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *