MONDIALI DI PARIGI, LONGO POTRA’ CORRERE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Sta per concludersi l'infinita vicenda che ha avuto come protagonista Andrea Longo, squalificato per due anni per positività al nandrolone. Grazie all'intervento della Federazione e alla decisione della IAAF, l'800ista azzurro potrà tentare di conseguire il minimo per i Mondiali di Parigi fino al 26 agosto, 13 giorni dopo il normale termine per la qualificazione.

Dopo 18 mesi di tribunali, ricorsi sportivi e giudiziari, il padovano potrà, a partire dal 16 agosto, tornare a gareggiare. Si conclude così una tra le più controverse vicende di doping dell'atletica leggera italiana, cominciata due anni fa circa con la positività al nandrolone in un controllo antidoping, giustificata da Longo per l'assunzione di un integratore alimentare inquinato.

La decisione di prorogare, per Longo, il limite per il conseguimento del minimo di partecipazione ai Mondiali, fissato per il 13 agosto, è stata presa dal Consiglio IAAF a Dakar, nel Senegal, dopo che la FIDAL, nelle scorse settimane, si è impegnata a fondo per tentare di porre rimedio ad una “formalità” che, per soli tre giorni, avrebbe impedito all'800ista la partecipazione alla manifestazione più importante del 2003.

Adesso è il turno dell'atleta delle Fiamme Oro di Padova, che dovrà svolgere in questi mesi una preparazione mirata per riuscire a correre, entro 48 ore dall'inizio del primo turno degli 800 metri a Parigi, il doppio giro di pista sotto il minimo IAAF di 1 minuto e 46 secondi.

fonte: FIDAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *