STRABORBERA MARATHON, JOSHUA ROP FA IL BIS

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

L'atleta keniano Joshua Kipchumba Rop vince la 22a Straborbera Marathon, svoltasi lo scorso 25 aprile, e bissa il successo della scorsa stagione, nella quale era giunto al traguardo in prima posizione, precedendo l'italiano Emanuele Zenucchi.

Rop ha rispettato i pronostici, dominando la Novi – Cabella, tradizionale appuntamento podistico della primavera alessandrina, ed ha varcato il traguardo fermando il cronometro sul tempo di 2h23'08″ dalla partenza. Alle sue spalle è giunto l'altro favorito della vigilia, l'atleta bergamasco Emanuele Zenucchi, rallentato da una condizione fisica precaria e da allenamenti incompleti, che tuttavia rimane il detentore del record della manifestazione, ottenuto nel 2001 quando aveva completato la maratona – giustamente definita “la Roubaix del podista” – in sole 2h21'23″.

Ricordiamo che la Straborbera Marathon 2003 ha subito dei cambiamenti forzati nel percorso a seguito di eventi calamitosi quali l'alluvione dello scorso autunno, che ha reso inagibile il ponte che collega Arquata Scrivia a Vignole Borbera, ed il recente terremoto dell'11 aprile, che – per motivi di sicurezza – ha deviato il percorso all'altezza di Serravalle Scrivia. Gli organizzatori, inoltre, hanno dovuto prestare particolare attenzione e garantire l'incolumità dei concorrenti nei punti maggiormente sensibili ai problemi di traffico: la strada statale che congiunge Novi L. a Serravalle S., interessata dai cantieri di lavoro all'altezza dell'Outlet, ed il passaggio, al 10o km., sul torrente Scrivia nei pressi del “Lastrico”.

L'Atletica Novese può dirsi, dunque, soddisfatta per il regolare svolgimento della gara, sia della manifestazione individuale, sia della maratona a staffetta: infatti, peculiarità della Straborbera Marathon – oltre al notevole dislivello presente tra partenza ed arrivo – è la gara a staffetta 4×10,5 km.

La squadra vincente è risultata la C.S. Forestale Roma, composta da Marco Agostini, Marco De Gasperi, Davide Milesi ed Emanuele Manzi, atleti specializzati nella corsa in montagna e che hanno dominato la prova a partire dalla seconda frazione di gara, concludendo in sole 2h14'10″ dalla partenza. Il secondo posto è andato alla formazione Athletica CMR Reggiolo (RE), composta dagli atleti marocchini Hamid Denguir, Abdelkarim Boumalik, Faical Boumalik e Abjaou Seddiq, giunti a Cabella con un distacco di 2'59″ dai vincitori.

Ritornando alla gara individuale, in campo femminile la vittoria è andata alla genovese Anna Boschi, che ha completato i 42,195 km., che separano Novi a Cabella, in 2h59'28″. Il podio è completato dalla slovacca Eva Neznama, che corre per la società Nuova Fanfulla Lodigiana (PV), e da Chiara Boschini, che veste i colori del G.S. Zeloforamagno.

La 22a Straborbera si è conclusa senza alcun nuovo record, né tra gli uomini, né tra le donne: ciò è dovuto – probabilmente – al caldo e all'afa, che hanno oppresso gli atleti, specie nella seconda parte del percorso, quando dovevano percorrere le Strette e salire verso l'alta Val Borbera.

Concludiamo ricordando i risultati migliori ottenuti da atleti locali: Monica Pucci è stata la 5a donna a varcare il traguardo (3h27'24″) e la buona prestazione della novese è resa ancor più significativa per l'ottavo posto della sua compagna di squadra Carmen Carbone.

L'Atletica Novese, inoltre, ha conquistato il podio nella maratona a staffetta femminile, dove il quartetto formato da Claudia Menzotti, Tiziana Piccione, Giovanna Rebuffo e Daniela Bertocchi si è piazzato al 3o posto.

In ambito maschile, sempre ottimo il valborberino Claudio Corradi, tesserato per l'Atletica Aleramica, giunto 14o nella classifica generale della Marathon individuale in 2h54'10″. Tra i tesserati dell'Atletica Novese, segnaliamo le prestazioni di Giovanni Marras, Andreino Boggeri ed Ezio Cabella, quest'ultimo premiato dall'Unione Nazionale Veterani Sportivi.

Nella Marathon maschile a staffetta, un cenno di merito va agli atleti dell'Atletica Aleramica Michael Lacertosa, Alessio Tamagno, Matthias Paini e Lorenzo Nevelli, il gruppo più giovane a pertecipare alla Straborbera. Gli organizzatori hanno, infine, premiato l'atleta più anziano che ha corso tutti i 42 km. della maratona: si tratta di Mario Milone (Cartotecnica Piemontese), nato nel 1929.

fonte: Marianna Giacomazzi – Atletica Novese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *