DISABILI, PREMIO MARISA BELLISARIO ALLA PORCELLATO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

“Mi sento onorata di ricevere un premio così prestigioso. Lo considero un riconoscimento ai miei sacrifici e, di conseguenza, ai risultati che ho raggiunto. Spero sia una nuova tappa, perché mi auguro di continuare a gareggiare ancora a lungo” questo il commento a caldo di Francesca Porcellato, olimpionica della categoria disabili, alla notizia del conferimento della Mela d’Oro, il premio internazionale promosso dalla Fondazione Bellisario. La consegna avverrà domani mattina, alle ore 10, presso l’auditorium della Tecnica di Confindustria, a Roma.

Un riconoscimento che ha visto impegnati in prima persona, per sostenere la candidatura della campionessa veneta, il sindaco di Padova Giustina Destro (già premiata con la Mela d’Oro nel 1994) e l’assessore alle Politiche Sociali, Volontariato e Non pofit della Regione Veneto, Antonio De Poli.
“Quando ho proposto il nome di Francesca Porcellato per la Mela d’Oro – spiega il sindaco Destro, che domani presenzierà a Roma alla cerimonia – è stato accolto all’unanimità, dagli altri componenti la giuria. Francesca in questi anni è stata, con le sue imprese, un testimonial eccezionale della Maratona di Padova e sono quindi orgogliosa di essere al suo fianco in una giornata per lei così importante.”

Insieme alla Porcellato verrà premiata un’altra atleta in carrozzina, la veronese Paola Fantato, olimpionica di tiro con l’arco.

Giunto alla sua quindicesima edizione, quest’anno il tema del premio istituito dalla fondazione Bellisario era “Sport: donna più che mai” e tra i personaggi insigniti, oltre alla Porcellato, figurano tra gli altri i nomi di Evelina Christillin, vice-presidente del comitato organizzatore delle Olimpiadi invernali di Torino 2006 (sezione manager), Giuliana Rosset, amministratore delegato Napapijri (sezione imprenditrici), Beatrice Trussardi, presidente Trussardi Group (sezione moda), le giornaliste Donatella Scarnati (Tg1) ed Emanuela Audisio (La Repubblica). I premi alla carriera sono andati invece a tre icone dello sport italiano: Stefania Belmondo, Diana Bianchedi e Sara Simeoni.

La cerimonia di premiazione verrà aperta dal Presidente della Camera dei Deputati, Pierferdinando Casini, e vedrà la partecipazione, del Ministro Stefania Prestigiacomo, del Sottosegretario Mario Pescante e del Presidente della Regione Lazio Francesco Storace.

Durante il Premio il giornalista Marino Bartoletti presenterà una ricerca, realizzata dal CENSIS con il contributo del Gruppo Monte dei Paschi di Siena, sul tema “Donna e Sport”, che ha analizzato e ricostruito il quadro di riferimento attuale ed i possibili scenari di sviluppo attraverso analisi quantitative, sondaggi e case-histories.

FRANCESCA PORCELLATO
Nata a Castelfranco Veneto (Treviso) il 5 settembre 1970
Società: New Foods Bussolengo; Allenatore: Dino Farinazzo
Cat: paraplegici; Primato personale: 1h44’35” (r.i. – 2001)

Lo scorso 13 aprile Francesca Porcellato ha conquistato l’ennesima splendida vittoria della sua carriera, alla maratona di Londra, precedendo di 33” la beniamina di casa, la britannico Grey-Thompson.
Un successo che giunge a poco più di un anno dall’arrivo trionfale a Central Park, nel novembre 2001, quando la Porcellato ha conquistato la New York City Marathon, venendo poi premiata dall’allora sindaco della Grande Mela Rudolph Giuliani.
A Padova invece Francesca ha corso la sua maratona più veloce di sempre, realizzando uno storico primato italiano 1h44’35” un crono di assoluto valore internazionale, se rapportato ai tempi ottenuti a Londra (2h04’21”) e New York (2h11’57”). Record e vittorie che si sommano alle medaglie conquistate in tre partecipazioni olimpiche.

Le 7 medaglie olimpiche di Francesca Porcellato

Seoul '88 Oro 100 e 4×100 Argento 200 m. Bronzo 4×200 e 4×400
Barcelona '92 Bronzo 400 m.
Sydney 2000 Bronzo 100 m.

fonte: Ufficio Stampa Comune di Padova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *