XII° PALIO DELLE DOLOMITI: LANCI IN EVIDENZA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La XII° edizione del Palio delle Dolomiti, meeting in pista che si è disputato oggi pomeriggio a Mezzano di Primiero (Trento) solo una settimana dopo il Trofeo San Vittore (corsa su strada organizzata della stessa società, l'U.S. Primiero San Martino), ha avuto i suoi risultati migliori soprattutto nei concorsi.

In campo maschile buoni i lanci, con le vittorie dei campioni italiani Cristiano Andrei nel disco (59,01, miglior prestazione di giornata) e Paolo Dal Soglio nel peso (18,60), e soprattutto con la prestazione dell'altoatesino Guenther Taschler, che nell'ultimo turno di lanci ha scagliato il giavellotto a 73,23 (primato personale stagionale battuto di oltre 4 metri). Anche Nicola Tronca nel salto con l'asta ha saltato più di quanto avesse mai fatto quest'anno, superando alla terza prova l'asticella a 5,20.

Tra le donne la campionessa italiana Margaret Macchiut ha vinto in 13″75 i 100 ostacoli (miglior risultato femminile), respingendo l'attacco di Flavia Arcioni (13″86), mentre la 20enne Raffaella Lamera – una delle principali promesse dell'alto italiano – ha confermato i progressi mostrati a Rieti saltando in alto 1,79 e sfiorando quell'1,84 che sarebbe stato il suo personale stagionale.

Da segnalare infine la doppietta di Stefano Bellotto nella velocità (10″77 e 21″58), il 14″32 di Nicola Comencini negli ostacoli alti maschili e la sfida nei 3.000 – seppure a ritmi blandi – tra i compagni delle Fiamme Gialle Mattia Maccagnan e Giovanni Gualdi, vinta dal primo con 8'25″26. Presente al centro sportivo di Mezzano anche Manuela Levorato, che ha seguito il fidanzato Diego Boschiero, 2° nel lungo con 7,40 dietro a Luciano Bau' (7,45).

Il servizio completo sulla manifestazione è all'indirizzo http://www.sportincampo.it/phpnuke/html/article.php?sid=2229.

fonte: Alberto Zorzi – Sportincampo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *