ANDREA LONGO TORNA GRANDE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

…”Ringrazio l'atletica che mi ha insegnato a lottare e ad essere un uomo migliore“. Con queste parole, Andrea Longo ha commentato la vittoria della sua batteria degli 800 metri uomini. Per i pochissimi che non lo sanno, Andrea Longo è appena rientrato da un squalifica di due anni per doping.

La vicenda a suo tempo fece scalpore e Longo non ha mai ammesso la sua colpevolezza, indicando come responsabile un integratore che in effetti si è dimostrato “corrotto” dalla sostanza poi ritrovata nell'analisi fatta all'atleta. I commentatori Rai, a loro volta hanno giustamente osservato la vergognosa discrepanza tra gli sport dove, a parità di colpevolezza (vera o presunta) la squalifica assume toni drammatici come nel caso dell'atletica leggera o toni comici come nel ciclismo o nel calcio dove le squalifiche sono poco più che simboliche. Ora, dando per scontato il giusto equilibrio di un commentatore di una rete nazionale, noi a nostra volta possiamo permetterci il lusso di non fare altrettanto e sbilanciarci in qualche giudizio.

In primissimo luogo colpisce la serenità di un atleta che dopo due anni di purgatorio rientra e ringrazia proprio il sistema che l'ha condannato perchè nonostante tutto gli ha permesso e gli permette di essere un uomo migliore. Secondariamente colpisce la sincerità con cui ammette la paura e l'emozione di scendere di nuovo in pista sotto gli occhi di diverse decine di migliaia di spettatori. In un mondo in cui le macchine da meeting ci mostrano visi sorridenti e bocche chiuse dopo un 800, fa ancora piacere vedere fatica ed emozione in una gara dura, tanto dura come quella degli ottocento metri.

Adesso, dopo l'ubriacatura di un altro talento genuino che ci ha regalato una medaglia d'oro (l'astista siciliano Gibilisco) e la grande umanità di Andrea Longo, l'atletica italiana ne esce bene, senz'altro migliore di qualche giorno fa dove il grigio, la rassegnazione e le frasi di circostanza di dirigenti ed allenatori erano diventati lo standard da ascoltare.

Da parte del nostro staff un grande in bocca al lupo a Longo per i prossimi turni di gara. Forse non tornerà con una medaglia (che gli auguriamo comunque di cuore) ma senz'altro tornerà con la certezza che i tanti appassionati italiani hanno ora, più di prima, un grande modello umano e sportivo da seguire.

fonte: AtleticaNET / Diego Cacchiarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *