SETTIMA GIORNATA: LA RIVINCITA DEGLI USA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

In una giornata condizionata dalla pioggia John Capel vince il titolo dei 200 metri davanti a Darvis Patton, ma la vera notizia è il terzo posto del giapponese Shingo Suetsugu. Ancora Stati Uniti sugli scudi con Dwight Phillips che fa suo l'oro del lungo. Vittoria e grande risultato cronometrico per il dominicano Felix Sanchez (47″25), indiscusso dominatore dei 400 hs.

E' stata la finale dei 200 m più lenta (20″30) fra tutte quelle disputate da quando esistono i Campionati del Mondo ma la temperatura fresca e la pista umida per la pioggia caduta durante il pomeriggio e fino a poco prima della partenza non hanno certo favorito i velocisti. La gara e' stata comunque avvincente, con un arrivo al fotofinish sia per la prima piazza (un solo centesimo fra primo e secondo) che per il terzo posto, con Suetsugu, Campbell e Buckland che si sono precipitati sul traguardo spalla a spalla. Dopo qualche minuto di suspance l'annuncio della medaglia per l'atleta nipponico, che gia' si era distinto in giugno con il terzo miglior crono della stagione (20″03).

Combattuta anche la gara del lungo, decollata negli ultimi tre salti di finale con continui avvicendamenti al vertice fra lo spagnolo Yago Lamela (8,22), il giamaicano James Beckford (8,28) e lo statunitense Dwight Phillips, che al quinto salto trova gli 8,32 metri per la vittoria, non senza il brivido finale per un lunghissimo sesto salto di Lamela, millimetricamente nullo e che lo spagnolo ottiene di aver misurato per sua soddisfazione personale, senza che il risultato venga comunque comunicato. L'atleta americano, che ha gareggiato indossando un fantascentifico body con cappuccio, ha dichiarato che l'anno prossimo vuole dedicarsi anche alla velocità, ritenendosi in grado di scendere sotto i 10″ dei 100 m.

Nuovo personale e settima prestazione all-time per Felix Sanchez (47″25), partito subito fortissimo. Su di lui ha tentato il recupero il greco Periklis Iakovakis, che affiancava il dominicano a meta' gara ma non riusciva poi a mantenere il ritmo giungendo terzo (48″24), superato sul traguardo dall'americano Joey Woody (48″18).

Sabato la penultima giornata dei Campionati. Si comincia alle 14:20 con la maratona maschile, a partire dalle 16:40 poi in pista con tra le altre gare le finali di giavellotto femminile, 110 ostacoli (18:00), salto in lungo femminile (18:05), 5000 metri (18:35) e 4×100 femminili (19:45).

fonte: AtleticaNET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *