STELLINE A MONACO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Bello ma non indimenticabile l'appuntamento di Monaco con le stelle dell'atletica leggera dopo le fatiche del mondiale. Gli azzurri presenti non hanno brillato per risultati e piazzamenti, con loro anche molti degli atleti protagonisti delle performances parigine.

Il neo campione del mondo Giuseppe Gibilisco si ferma a 5.60 in un'anonima sesta posizione, Magdelin Martínez non va oltre i 14.52 ed il 5° posto nella gara di triplo vinto dalla regolare Lebedeva. Longo, terminate le tensioni dell'appuntamento iridato, nonostante la wild card a sua disposizione, non fa meglio di 1'47″12 lasciandosi alle spalle il solo Yuriy Borzakovskiy. Prove opache anche per Claudia Coslovich ben al di sotto dei sessanta metri nel giavellotto e la graziosa Niederstatter che nei 400 hs giunge settima con 56″84.

Per il resto la due giorni monegasca ha alternato buone prestazioni ad altre non troppo esaltanti. I 100 mt sono stati come quasi sempre dominio degli americani; 10″04 e un vento a favore al limite del regolamento per il vincitore Bernard Williams e un solo centesimo di più per il secondo arrivato, John Capel; in terza posizione il nigeriano Emedlu Uchenna. Il campione del mondo di St. Kitts e Nevis solo sesto con 10″13. Pronostici rispettati per i 110hs con un Allen Johnson vincente in 13″11. Nei 200 sempre gli americani davanti: vince J.J.Johnson con 20″35 e precede il connazionale Shawn Crawford di soli 2 centesimi. Discreta la gara di lungo maschile con 5 atleti sopra gli 8 metri; ha vinto Dwight Phillips con 8.31. Sempre nei salti, Tom Lobinger si prende la rivincita su tutti volando con la sua asta a 5.91 e tentando invano l'assalto ai 6.01. Bene Jerome Young vincente nei 400 piani con 45″04. Nel giavellotto il russo Makarov si è imposto con 85.66 davanti all'intramontabile Jan Zelezny.
Notizie buone ma non ottime dai 3000 siepi, l'atleta del Qatar, Saif Saaeed Shaheen sigla il nuovo record asiatico con 7'57″38 trascinando al personale anche Paul Koech con 7'57″42. Tempi ottimi ma non sono serviti al nuovo acquisto del Qatar per guadagnare abbastanza punti e superare nella classifica dell'atleta dell'anno il grande Hicham El Guerrouj. Questi i piazzamenti finali:

1. Hicham EL GUERROUJ MAR 1450
2. Saif Saeed SHAHEEN QAT 1448
3. Kenenisa BEKELE ETH 1441
4. Allen JOHNSON USA 1440
5. Haile GEBRSELASSIE ETH 1429
6. Felix SÁNCHEZ DOM 1422
7. Tom PAPPAS USA 1411
8. Christian OLSSON SWE 1398
8. Eliud KIPCHOGE KEN 1398
10. Ezekiel KEMBOI KEN 1389

Nelle donne, vittoria della discussa Kelli White nei 200 con 22″31 e di Sandra Glover nei 400 hs con 53″65. I 100 mt hanno visto vincere con il proprio limite personale l'americana Gaines (10″86 per lei), seconda Christine Arron. Per i 100hs nessuna sorpresa, la statunitense Gail Devers mette in riga tutte le avversarie con un ottimo 12″45. Nessuna sorpresa nemmeno negli 800 mt dove l'oramai milionaria Mutola passeggia tranquilla sotto i 2' precedendo di quasi mezzo secondo la pur quotata Kelly Holmes.
Buona la gara di salto in alto che si chiude con un bel 2.01 di Hestrie Cloete fatto alla seconda prova e di discreto livello la gara del giavellotto con la russa Shikolenko a 64.47. La Cloete tra l'altro con questa gara si è aggiudicata come El Guerrouj il titolo di atleta dell'anno davanti alla giovane Carolina Kluft. Ecco anche per le donne i piazzamenti finali:

1. Hestrie CLOETE RSA 1441
2. Carolina KLÜFT SWE 1436
3. Kelli WHITE USA 1429
4. Tatyana LEBEDEVA RUS 1427
5. Süreyya AYHAN TUR 1409
6. Ana Gabriela GUEVARA MEX 1406
7. Yamilé ALDAMA CUB 1394
8. Berhane ADERE ETH 1392
9. Sandra CUMMINGS-GLOVER USA 1390
9. Maria de Lurdes MUTOLA MOZ 1390

fonte: IAAF

ALLEGATO: Monaco.zip ( Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *