MARTIN SULLE VINCE AL SAS

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Alla fine di una gara combattuta, la LVII° edizione del Giro al Sas è stata vinta dal tanzaniano Martin Sulle, che ha battuto in volata i keniani Bushendich e Kipchumba (nella foto di A.Zorzi il podio). Dopo una prima parte tranquilla, il ritmo è via via incrementato, sgranando il gruppo di testa fino a ridurlo ai tre africani. Sesto posto per il rientrante Stefano Baldini, preceduto sul traguardo da Marco Bartoletti, che lo ha superato in volata. Più indietro invece Daniele Caimmi.

Un podio giovanissimo (poco più di sessant'anni in tre) ma ricco di talento, quello della gara trentina. Alla fine a vincere è stato Sulle, la sorpresa dei Mondiali di maratonina di due settimane fa a Vilamoura, dove ha conquistato la medaglia di bronzo con il nuovo personale di 1h00'56″. Ma non un atleta sconosciuto, dato che nelle gare di 21,097 km al suo attivo vanta una vittoria a Parma nel 2000 (1h01'54″), mentre nel 2002 si è imposto con il suo ex primato di 1h01'25″ a Setubal, in Portogallo, sua seconda patria insieme all'Italia.
Sulle è infatti tesserato per un club portoghese e in terra lusitana corre molto. Insieme ai suoi due compagni di podio è però allenato da Renato Canova, che lo descrive come un ragazzo molto serio e su cui puntare ad occhi chiusi. Quest'anno, prima del colpaccio iridato – guarda caso, sempre in Portogallo – era anche arrivato 3° nella Stramilano dominata dai tanzaniani in 1h01'33″. Per ora la sua gara è proprio la mezza maratona (il prossimo anno punterà tutto sui Mondiali di New Delhi), ma in un futuro nemmeno troppo lontano intende passare alla maratona.
Nel toboga di 1 km disegnato per le vie centrali di Trento – quel giro che comunemente viene chiamato dai trentini “giro al sas” – Sulle è stato grande protagonista per tutta la gara. A partire dal 4° giro, dopo un inizio un po' “letargico”, sono stati soprattutto lui e l'ucraino Matviychuk a rendere dura la corsa, contribuendo a sgranare il gruppo di testa. Al 7° giro i due battistrada si sono trovati affiancati solamente da altri 3 atleti, tutti del Kenya: Solomon Bushendich, Robert Kipchumba e Daniel Rono.
Si erano infatti appena staccati anche gli ultimi tre azzurri rimasti davanti, Stefano Baldini – che tornava alle gare dopo il bronzo iridato di Parigi nella maratona vinta dal marocchino Gharib, presente come ospite -, il campione italiano dei 10.000 Marco Bartoletti e, più indietro, Migidio Bourifa, anche lui nazionale di maratona. In precedenza avevano perso contatto Rinaldi, De Nard e Caimmi, reduce da una settimana di duro lavoro in palestra.
Nel giro successivo anche Matviychuk, fino ad allora uno dei più attivi, ha perso contatto a causa di una “trenata” forsennata di Sulle (2'44″ il tempo del giro, il più veloce fino a quel momento). Poi è stata la volta di Rono, che improvvisamente si è “sgonfiato”, chiudendo al piccolo trotto gli ultimi due giri. A giocarsi la vittoria sono rimasti in tre, Sulle, Kipchumba e Bushendich. Quest'ultimo è stato il primo ad aprire il fuoco proprio al penultimo passaggio, con un tentato allungo impressionante, subito rintuzzato.
Si è così arrivati sulla retta finale, dove a vincere è stato Sulle, davanti a Bushendich (bronzo mondiale juniores sia lo scorso anno sui 10.000 in pista, che quest'anno nel cross) e al grande favorito della vigilia Kipchumba. Quest'ultimo, infatti, dopo che nel 2000 (sul passaporto risulta nato nel 1984, in realtà è del 1981) è stato campione mondiale juniores sia dei 10.000 che del cross, nelle ultime settimane ha dominato il Giro di Rovereto e prima ha addirittura insidiato la vittoria di Kenenisa Bekele a Scicli.
Dietro ai primi tre e all'ucraino sono arrivati i due azzurri. Una bella volata, vinta da Bartoletti, ma con un Baldini più che soddisfatto. Un Baldini che guarda lontano, molto lontano, al 29 agosto dell'anno prossimo, ad Atene. Proprio per questo non correrà nessuna maratona autunnale e gareggerà col bilancino, solo quando necessario. Addirittura potrebbe anche non presentarsi a Londra per correre in una più “tranquilla” maratona giapponese di febbraio-marzo (in ballo sarebbero Tokyo o Otsu).

LA CLASSIFICA – 10 KM
1° Martin Sulle TAN 28'34''
2° Solomon Bushendich KEN 28'35''
3° Robert Kipchumba KEN 28'37''
4° Vasyl Matviychuk UKR 29'04''
5° Marco Bartoletti ITA 29'07''
6° Stefano Baldini ITA 29'07''
7° Ben Kiplimo KEN 29'09″
8° Daniel Rono KEN 29'13''
9° Paul Wakou UGA 29'22''
10° Migidio Bourifa ITA 29'24''
11° Luis Feiteira POR 29'34''
12° Gabriele De Nard ITA 29'37''
13° Fabio Rinaldi ITA 29'40''
14° Daniele Caimmi ITA 29'47''
15° Said El Hasni MAR 29'50''

Il servizio completo sulla corsa con la cronaca giro per giro, le interviste a Baldini, Bourifa e Caimmi, alcune immagini e la presentazione è all'indirizzo www.sportincampo.it/giroalsas2003/.

fonte: Alberto Zorzi – Sportincampo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *