BREVI DAL MONDO 4/12

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Doping: Martellista tedesco positivo a 63 anni (!!!!!)
BERLINO – Eberhard Kliesch ha 63 anni, lancia il martello nelle competizioni riservate ai Senior e ha vinto il titolo europeo riservato agli over-60 nel 2002. Ebbene, Kliesch è risultato positivo ad un controllo antidoping effettuato lo scorso mese di agosto durante i Campionati tedeschi seniores ed è stato squalificato per 2 anni dalla Federazione tedesca di atletica leggera.
La Dlv non ha chiuso un occhio nei confronti di un''''atleta che fino al 2005 dovrà dedicarsi a un''''altra attività: bocciofila, giardinaggio, ecc. (!?)

La Vlasic allunga la rincorsa
ZAGABRIA – Il 2003 è stato un anno esaltante per le specialiste del salto in alto, con ben dodici saltatrici che hanno superato la barriera dei due metri, e tra queste la croata Blanka Vlasic, campionessa del mondo juniores nel 2002. Allenata dal padre Josko, ex primatista del decathlon, e da Bojan Marinovic, il terzetto ha deciso che la cosa migliore per salire ancora, fosse allungare la rincorsa, dai cinque passi attuali a nove. ''''Non mi interessa migliorare solo la mia misura migliore, devo incrementare la mie prestazioni medie, non m''''importa saltare una volta 2.04 e sempre 1.95'''' ha detto la Vlasic, che nonostante la giovane età ha le idee molto chiare. L''''atleta inizierà a sperimentare la nuova rincorsa dal mese di febbraio, partecipando a sette-otto meeting al coperto, prima di iniziare la preparazione in vista delle Olimpiadi.

Tergat in dubbio per i Mondiali di Cross
NAIROBI – Paul Tergat ha vincolato la sua partecipazione al Campionato del Mondo all''''esito del ''''Great North Cross'''', la ''''campestre'''' in programma il prossimo 3 gennaio nei dintorni di Newcastle. L''''uomo di punta dell''''atletica kenyana verificherà la sua condizione nel fango sul durissimo percorso del Maiden Castle, poi prenderà una decisione su una sua eventuale trasferta a Bruxelles per la rassegna iridata in programma il mese successivo. “Adesso come adesso il mio cuore batte per la maratona, ma penso sempre ad una stagione d''''alto livello nel cross.”

…e per finire, qualcosa di davvero insolito:

Bolivia. Arriva terza alla maratona femminile delle Ande, la squalificano perchè è un uomo Si trattava di un transessuale e per questo non avrebbe dovuto gareggiare.
È scoppiata una vera protesta dopo la decisione dei giudici di squalificare la terza classificata alla maratona delle Ande centrali, dopo aver scoperto che in realtà è un uomo. Secondo gli organizzatori la concorrente potrà essere riammessa solo quando dimostrerà di essere donna a tutti gli effetti.

fonte: Libero – Associated Press / A cura di Giampiero Trivellato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *