STACY DRAGILA E DEREK MILES SUBITO SUL TETTO AL NATIONAL POLE VAULT SUMMIT INDOOR

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Venerdi’ 9 gennaio, a Reno, si è disputato l’USA Track & Field National Pole Vault Summit, che ha visto in pedana i migliori specialisti statunitensi.
Scontato il successo per la Dragila, ma interessava la misura nonche’ una indicazione sullo stato di forma e sulla motivazione della campionessa americana, dopo un 2003 deludente, culminato nel modesto 4° posto dei Campionati Mondiali. Stacy ha superato i 4,70 e poi ha chiesto i 4,81, che sarebbero stati il nuovo mondiale indoor, fallendo non di molto il tentativo.
La bi-campionessa mondiale ha cambiato allenatore lo scorso aprile, interrompendo il lungo sodalizio con Dave Nielsen e passando sotto la direzione di Greg Hull. Il cambio non è stato indifferente dal punto di vista tecnico, perché Hull valorizza molto l’aspetto acrobatico e ginnico del volteggio, utilizzando ampiamente modalità di allenamento mutuate dalla ginnastica artistica.
Ora il cambiamento sembra stia dando i suoi frutti e l’atleta californiana si e’ dichiarata pronta per lo scontro olimpico con la Feofanova e la Isinbayeva, nonche’ per superare la soglia dei 4,87 m che , oltre ad essere record del mondo, nel sistema metrico americano equivalgono anche al “muro” dei 16 piedi.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *