ALLA RUSSIA LA COPPA DEL MONDO DI MARCIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si è conclusa oggi la ventunesima edizione della coppa del mondo di marcia a Naumburg in Germania. Nella 50km la vittoria è andata al russo Aleksey Voyevodin al suo personale stagionale, mentre nella 20km femminile alla connazionale Yelena Nikolayeva; nella stessa distanza, per quanto riguarda gli uomini, l’oro è stato conquistato dal ''mostro'' ecuadoregno Jefferson Perez.

Hanno aperto la manifestazione gli atleti della 50km maschile il sabato. La gara è partita su ritmi davvero sostenuti con un folto gruppo di cinesi a fare l’andatura, dopo circa 30 km il lettone Aigars Fadjevs è riuscito a raggiungere il cinese Yu Cahong in testa, mentre Voyevodin arrivava in terza posizione. Quest’ultimo ha iniziato una decisa azione di rimonta fino a sorpassare il lettone per portarsi al comando insieme a Cahong, che ha continuato a rimanere pochi metri davanti al compagno di gara. A 5 km dall’arrivo, Voyevodin ha incrementato l’andatura, sorpassando il cinese e guadagnando metri su metri fino al traguardo, tagliato in 3:42:44; Cahong è riuscito a piazzarsi al secondo posto concludendo in 3:43:47, mentre un altro russo, Yuriy Andronov, ha conquistato la medaglia di bronzo con 3:46:49.
Per quanto riguarda gli italiani, da segnalare un ottimo decimo posto dell'inossidabile Giovanni De Benedictis (3h54:25), una ventiduesima piazza di Diego Cafagna (4:04:54) e il ventinovesimo posto di Enrico Lang. Tali piazzamenti hanno permesso ai nostri azzurri di guadagnare un buon quinto posto nella classifica di squadra.

Nella 20km uomini, al contrario, l'inizio gara è stato abbastanza prudente da parte dei favoriti, con un gruppo di una ventina di atleti al comando; dopo un passaggio a metà gara in 39:54, il gruppo, guidato da Perez, Deakes e Korzeniowski, ha fatto registrare parziali sempre più veloci che ha fatto sgranare il gruppo fino a 5 soli marciatori al comando: Korzeniowski, Ilya Markov, Deakes, Perez, e Yucheng Han. Nel finale un allungo decisivo di Perez ha chiuso la lotta per la vittoria, mentre dietro, Korzeniowski aveva la meglio su Deakes per il secondo posto. Da rilevare un rinato Ivano Brugnetti ottimo sesto nella stessa gara.

La 20km femminile ha regalato una forte emozione a tutti gli italiani appassionati di questo sport, con un fantastico quinto posto della giovane Elisa Rigaudo, che ha concluso in 1:27:49, che gli è valso nuovamente il suo primato personale. Dopo un primo giro poco brillante la russa Yelena Nikolayeva ha impostato un ritmo serrato, portandosi di prepotenza al comando della gara; poco dopo la metà gara la nostra Rigaudo è riuscita a guadagnare momentaneamente il secondo posto, subito ripresa dal gruppo di inseguitrici, che ha cominciato a rosicchiare metri alla battistrada. Nonostante tutto la Nikolayeva, con un ultimo sforzo ha potuto mantenere costante il gap fino all’arrivo, andando a vincere in 1:27:34, davanti alla cinese Jing Jang e alla spagnola Maria Vasco. Nella classifica a squadre la medaglia d’oro è andata alla Cina, mentre per l’Italia è arrivato un sesto posto che lascia un po’ di delusione, nonostante le buone prestazioni di Rossella Giordano, diciannovesima con 1h30:28, e di Gisella Orsini, trentaduesima con 1:32:19.

Lasciano un po' di amarezza in bocca i giovani marciatori italiani; Giorgio Rubino, laziale di indubbio valore e di grande futuro si è visto ''sbattere fuori'' a ridosso dell'arrivo. L'unica convocata junior, Agnese Ragonesi, non si è potuta esprimere al meglio a causa di problemi negli spostamenti aerei e si è dovuta accontentare di un 22° posto nostante i suoi valori siano di gran lunga superiori. Ci auguriamo che, come sempre, i giovani facciano tesoro di esperienze (positive e negative) per essere sempre più incisivi e vincenti in futuro, se lo meritano davvero.

In allegato un file in formato Excel con tutti i risultati delle varie gare e le classifiche a squadre.

fonte: IAAF

ALLEGATO: ANet_news_Risultati_e_Classifiche_2.5.2004.zip (49 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *