TREVISO MARATHON, RINALDI E PORCELLATO FANNO IL RECORD

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

(Treviso, 14 marzo 2004) – Gara dei record doveva essere, gara dei record è stata. Record di partecipazione (ben 2.637 gli atleti classificati nel tempo massimo di 6 ore, un risultato straordinario per una maratona al debutto). Record di spettatori sul percorso (una stima prudente fissa in 50 mila le presenze lungo la strada da Vittorio Veneto a Treviso). E record sotto il profilo tecnico, con la disabile Francesca Porcellato che ha stabilito il primato italiano nella categoria paraplegici (1h44’26”) e le belle prestazioni ottenute dagli altri atleti di vertice.

Il piemontese Fabio Rinaldi e la marocchina d’adozione lucana Hafida Izem sono i re della Treviso Marathon, che ha debuttato oggi con grande successo. Rinaldi si è imposto in 2h11’48”, migliorando il primato personale di 31”. Alle spalle, il kenyano Philemon Kipkering (2h12’49”), anch’egli approdato al proprio record, e Vincenzo Modica (2h13’02”), che non correva così forte dal 1999, anno in cui vinse l’argento ai Mondiali di Siviglia. La gara si è decisa al 39° chilometro, poco prima dell’ingresso a Treviso, quando Rinaldi ha raggiunto e superato Kipkering, in crisi dopo una gara caratterizzata da frequenti cambi di ritmo. Il contrario di Rinaldi, rimasto a lungo in posizione d’attesa, mentre l’ucraino Kuzin, ritiratosi al 30° chilometro dopo aver fatto da battistrada per tre quarti di gara, e lo stesso Kipkering animavano un acceso (e dispendioso) duello.

Senza rivali, invece, la Hizem. Assente la kenyana Chepchumba e con la primatista italiana Viceconte rimasta in una posizione di secondo piano, quello della marocchina è stato un indisturbato monologo, concluso in 2h37’58”. A 2’32” la Viceconte. Il veloce percorso trevigiano, unito al calore del pubblico e ad una giornata grigia ma fortunatamente non piovosa, ha consentito alla Porcellato di realizzare il primato italiano nella categoria paraplegici: con 1h44’26”, la trevigiana d’adozione veronese ha migliorato di 9” il record che già le apparteneva, stabilito a Padova nel 2001.

Le classifiche.
Uomini: 1. Fabio Rinaldi (As Volpiano) 2h11’48”, 2. Philemon Kipkering (Ken/Amsicora) 2h12’49”, 3. Massimo Vincenzo Modica (Fiamme Oro) 2h13’02”, 4. Denis Curzi (Carabinieri) 2h13’21”, 5. David Kiptum Kipruto (Ken/Atl. Interlozzo) 2h14’18”, 6. Alberico Di Cecco (Carabinieri) 2h14’26”, 7. Rachid Kisri (Mar/Pol. Scottellaro) 2h18’07”, 8. Said Boudalia (Mar/Biotekna Marcon) 2h21’44”, 9. Emanuele Zenucchi (Re Castello Radici) 2h23’08”, 10. Giacomo Licen Porro (Cassa Risparmio Gorizia) 2h23’39”. Disabili. Paraplegici: 1. Roberto Brigo (Aspea Pd) 1h50’03”. Tetraplegici: 1. Alvise De Vidi (Aspea Pd) 2h33’36”. Handbike: 1. Giovanni Angeli (Basket e non solo) 1h30’35”. Non vedenti: 1. Carlo Durante (Nove Padova) 3h20’41”.

Donne: 1. Hafida Izem (Marocco/Pamar Matera) 2h37’58”, 2. Maura Viceconte (Cover Sportiva) 2h40’29”, 3. Francesca Zanusso (Jesolo Turismo) 2h46’28”, 4. Tijana Pavicic (Croazia) 2h57’43”, 5. Marta Santamaria (Dall’Agnese Brugnera) 2h58’27”, 6. Sabrina Roncaglia (Remabox Zanè) 3h05’09”. Disabili. Paraplegici: 1. Francesca Porcellato (Insieme New Foods) 1h44’26”. Trofeo Unindustria. L’azienda più veloce: 1. Sport Center Pettinelli 8h48’04”, 2. Vetreria Zemburg 8h53’05”, 3. Generali 9h31’11”. L’azienda più numerosa: 1. Arca Dipendenti Enel, 2. Benetton, 3. Sport Center Pettinelli e Sipa. Miglior atleta uomo: 1. Roberto Novello (Sport Center Pettinelli) 2h40’50”. Miglior atleta donna: 1. Roberta Basso (Ulls 7).

fonte: addetto stampa Treviso Marathon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *