RIGAUDO GUIDA LA MARCIA IN COPPA DEL MONDO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Elisa Rigaudo è incontenibile e sarà lei, la vincitrice delle due prove del Challenge IAAF (Tijuana e Rio Major) la punta di diamante della rappresentativa azzurra per la gara di coppa del mondo che si disputerà in germania l'1 e il 2 di Maggio.

Le due vittorie appena acquisite non sono tuttavia una sorpresa per la 23enne atleta di Cuneo, già nel 2001 vinse i campionati europei ad Amsterdam nella 20 km di marcia. La svolta, racconta la Rigaudo è avvenuta in due momenti: il più recente nel novembre del 2002 quando le Fiamme Gialle, il gruppo sportivo militare della Guardia di Finanza l'ha inserita nel suo organico. “Senza questo evento, dice ancora la giovane marciatrice non avrei mai avuto la tranquillità economica per arrivare a fare l'atleta professionista.” L'altro momento importante è stata la scelta del tecncio Sandro Damilano, allora responsabile del settore marcia nazionale, nonchè fratello (e allenatore) del più grande marciatore che l'Italia abbia avuto: Maurizio Damilano. Ricordiamo che la Rigaudo già nel 2000, subito dopo la scuola, si trasferì a Saluzzo per allenarsi a tempo pieno nel gruppo già seguito dal tecnico piemontese composto, da Betty Perrone ed Erica Alfridi.

Oggi Elisa Rigaudo è un'atleta matura, a Tijuana ha stabilito il suo nuovo limite personale sulla 20km con 1h 28'50 ma soprattutto si è presa il lusso di mettersi alle spalle atlete di grande livello come la portoghese Feitor e l'irlandese O'Sullivan.
Sono queste le carte con cui la giovane Cuneese si presenta in coppa del Mondo; lei si dice pronta e spera di poter ripetere in termini di risultati i due exploit di inizio stagione. I successivi appuntamenti, sempre visti in funzione della manifestazione olimpica, la vedranno impeganta ancora nel challenge IAAF a La Coruna e a Sesto San Giovanni.

Per quanto riguarda il team femminile invece non ci sono buone notizie, Betty Perrone non è al meglio per cui a difendere con lei i colori azzurri ci saranno Erica Alfridi, Rossella Giordano e Gisella Orsini.

In campo maschile ci saranno Ivano Brugnetti, rinato anche lui nel Challenge IAAF, il suo compagno di allenamento Alessandro Gandellini, Michele Didoni, Lorenzo Civallero e Marco Giungi.

Ma ecco in dettaglio tutti i convocati:

20 km Uomini
Ivano Brugnetti
Lorenzo Civallero
Michele Didoni
Alessandro Gandellini
Marco Giungi

50 km Uomini
Diego Cafagna
Giovanni De Benedictis
Enrico Lang
Alessandro Mistretta
Alex Schwarzer

Junior Uomini
Mirko Dolci
Marco Nicoletti
Giorgio Rubino

Donne 20 km
Erica Alfridi
Rossella Giordano
Gisella Orsini
Elisa Rigaudo

Junior Donne
Martina Gabrielli
Agnese Ragonesi
Valentina Trapletti

fonte: IAAF / Diego Sampaolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *