SILESHI SIHINE BRILLA AI CAMPIONATI ETIOPI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Grande prestazione ieri sui 10000mt da parte dell’etiope Sileshi Sihine, medaglia di bronzo ai Mondiali sulla stessa distanza, che, con il suo 28:16.23, ha firmato il miglior tempo mai corso in una pista del Paese. Dietro di lui sono arrivati Dejene Berhanu e Gebregziabher Gebremariam, che nulla hanno potuto davanti allo strapotere del vincitore.
Nonostante un inizio non troppo brillante il gruppo è riuscito a mantenere un passo abbastanza sostenuto fino a quasi metà gara, quando Sihine si è portato in testa a fare il ritmo. Dopo una decina di giri, il suo vantaggio sul secondo era ormai incolmabile e il finale della gara non poteva regalare più sorprese, quindi il ventunenne ha creduto bene di non forzare troppo per poter essere di nuovo in forma domani, nel 5000 in cui dovrà sfidare il campione del mondo sui 10000mt Kenenisa Bekele.
Proprio dai 5000mt femminili è arrivata ieri la più grande sorpresa della manifestazione, la giovanissima Meselech Melkamu, campionessa mondiale junior di Cross Country, che è riuscita a battere la superfavorita Tirunesh Dibaba, strappandole così il titolo nazionale.
Dalle prime battute di gara la Dibaba sembrava in forma strepitosa, arrivando addirittura alla metà gara con un distacco di quasi 300mt sulle inseguitrici Melkamu, Amani Godana e Sintayehu Ejigu. La gara aveva preso un andamento a senso unico quando Meselech Melkamu ha lasciato le compagne di gara cominciando a rosicchiare metri alla Dibaba. All’ultimo giro il distacco era arrivato a 75mt, in continuo calo, metro dopo metro, fino al rettilineo finale dove le due mezzofondiste sono rimaste appaiate fino all’ultimo. Alla fine il successo è andato alla Melkamu, che ha concluso in 16:01.94, meno di un secondo dietro a Tirunesh Dibaba, mentre al terzo posto si è piazzata Amani Godana.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *