COSA FANNO LE SIGNORE DELL’ATLETICA…

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

“Penso sia un commento estremamente ignorante da parte sua”. Lapidarie parole di Marion Jones all’indirizzo del presidente del CIO, in risposta ad una dichiarazione di Jacques Rogge che in un’intervista al Sunday Times aveva invitato la Jones ad una maggior attenzione. L’atleta statunitense ha detto che realmente informati di cio’ che le sta accadendo sono solo lei, l’agenzia americana anti-doping che la sta inquisendo ed il suo governo.
Nel frattempo gli organizzatori del meeting al Bislett hanno revocato l’invito per la sprinter, che dovrebbe invece essere regolarmente presente al Golden Gala.

Kelly Holmes sente qualcosa che non va nel suo motore e si aspetta importanti indicazioni dal meeting odierno ad Ostrava. La forte mezzofondista inglese si candida per una medaglia olimpica nei 1500 m, ma ha mantenuto una costante attenzione in allenamento alla velocita’, cosi’ da poter eventualmente esser al via degli 800 m, come seconda opzione.

Sprizza invece salute ed ottimismo Paula Radcliffe, che il 19 giugno sara’ in gara nella SPAR European Cup a Bydgoszcz in Polonia, per ripetere la vittoria nei 5000 m che in questa competizione europea gia’ fu sua nel 1998 e ’99.
L’atleta inglese non gareggia piu’ in pista dall’agosto del 2002, quando si aggiudico’ il titolo europeo dei 10.000 m a Monaco.

Anche se e’ ormai lontana dalle gare da 4 anni e aveva maturato la decisione gia’ dalla fine del 2003, solo ieri Marie-Jose Perec ha ufficialmente annunciato in televisione il suo ritiro dall’attivita’ agonistica.
La velocista francese di origine giamaicana ha vinto il titolo olimpico dei 400 m a Barcellona nel 1992 ed e’ salita sul podio dei 200 e 400 m anche ad Atlanta, ma era stata autrice di una discussa fuga dall’olipiade australiana nel 2000.
Nell’intervista la Perec ha ammesso di non aver retto alla pressione psicologica dell’attesa sfida contro la Freeman, avvertendo un’aggressivita’ eccessiva, che le e’ risultata intollerabile. In realta’ la sua carriera si e’ arrestata lì, essendo poi saltati per problemi fisici i mondiali del 2003.

fonte: BBC Sport – EAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *