MEETING DI PONZANO: BEL MEZZOFONDO E TANTA PIOGGIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Pioggia, vento, temperatura autunnale. Il 17° memorial “Giovanni Maria Idda” è stato pesantemente condizionato dal maltempo. Un violento acquazzone si è scatenato su Ponzano all’inizio della serata e il destino di uno degli appuntamenti più attesi della stagione veneta su pista è apparso subito segnato. Molti tra gli atleti più attesi hanno preferito rinunciare all’impegno (il caso dell’altista Talotti, ma anche delle velociste Grillo e Graglia), le gare di sprint si sono svolte con finale diretta ed è anche andata in tilt l’apparecchiatura per il cronometraggio elettrico.

Una festa guastata. Con i concorsi penalizzati dalle condizioni metereologiche (apprezzabile, comunque, il 6.13, con vento al limite, della lunghista Laura Gatto), le prestazioni più interessanti sono venute dal mezzofondo. Detto del doppio successo italiano nei 1500 (Maurizio Bobbato in 3’49”3 e Michela Zanatta, davanti alla quotata tunisina Lanouar, in 4’30”4), il miglior risultato della serata trevigiana è stato offerto dai 5000, dove, alle spalle del marocchino Harroufi (13’45”2), si sono ritagliati uno spazio Michele Gamba, secondo, e Giuliano Battocletti, quarto. Correndo in 13’47”1 e 13’52”5, i due azzurri hanno siglato rispettivamente il terzo e il quinto tempo italiano dell’anno. Non è molto ma, visto il contesto, può bastare.

I risultati.
UOMINI. 100: 1. Luca Simoni (Fiamme Oro) 10”3, 2. Stefano Bellotto (Carabinieri) 10”6, 3. Paolo Ciravolo (Assindustria Pd) 11”1, 4. Marco Fattoretto (Assindustria Pd) 11”1, 5. Ivan Brandalise (Dolomiti) 11”2, 6. Filippo Spinazzè (S. Giacomo Banca della Marca) 11”4. 400: 1. Manura Pereira Kuranage (Sri) 47”8, 2. Walter Pirovano (Fiamme Oro) 48”0, 3. Vincenzo Papa (Lib. Amatori Bn) 48”5, 4. Fabio Ceccato (Lib. Padova) 48”6, 5. Bernardo Venturin (Virtus Bologna) 48”8, 6. Alberto Giacchetto (Fiamme Oro) 49”8. 1500: 1. Maurizio Bobbato (Carabinieri) 3’49”3, 2. Mario Pastore (Virtus Lucca) 3’49”8, 3. Stefano Scaini (Fiamme Gialle) 3’50”6, 4. Brahim Taleb (Mar) 3’51”7, 5. Tommaso Beati (Apb Bagheria) 3’51”8, 6. Pietro Bernardoni (Assindustria Pd) 3’52”0. 5000: 1. Redouane Harroufi (Mar) 13’45”2, 2. Michele Gamba (Fiamme Gialle) 13’47”1, 3. Slavko Petrovic (Slo) 13’49”7, 4. Giuliano Battocletti (Cover) 13’52”5, 5. Jamel Chatbi (Mar) 14’14”8, 6. Sergio Chiesa (Runner Team ’99) 14’16”9, 7. Andrea Regazzoni (Valle Brembana) 14’18”3. Alto: 1. Fabio Visin (Atl. Gorizia) 2.08, 2. Mattia Favaro (Assindustria Pd) 2.05, 3. Andrea Meneguzzo (Fiamme Gialle) e Ivan Bernasconi (Fiamme Oro) 2.05, 5. Luca Fizzotti (Sisport) 2.00, 6. Michele Buiatti (Lib. Catania) 1.95. Asta: 1. Jure Rovan (Slo) 5.00, 2. Roberto Durante (Quercia Rovereto) 4.60, 3. Andrej Poljanec (Slo) 4.60. DONNE. 100: 1. Anita Pistone (Tris) 12”0, 2. Federica Da Col (Dolomiti) e Eva Pasinato (Lib. Padova) 12”4, 4. Irene Daniele (Fiamme Oro) 12”7, 5. Francesca Dambruoso (Vicentina) 12”8, 6. Giulia Favaretto (Trevisatletica) 12”9. 400: 1. Lara Rocco (Fiamme Oro) 55”1, 2. Arianna Dissegna (Assindustria Pd) 57”5, 3. Daniela Marconi (Cus Bologna) 57”6, 4. Natascia Marchetti (Assindustria Pd) 58”2. 1500: 1. Michela Zanatta (Esercito) 4’30”4, 2. Fatura Lanouar (Tun) 4’31”1, 3. Boucherra Soufel (Tun) 4’36”5, 4. Natalina Lorenzi (Virtus Lucca) 4’37”2, 5. Michela Zorzanello (Vicentina) 4’38”7, 6. Simona Viola (Team Lotti Livorno) 4’45”9. Lungo: 1. Laura Gatto (Fiamme Azzurre) 6.13 (+1.9), 2. Monica Zancanaro (Dolomiti) 5.61 (+1.9), 3. Elena Di Stefano (Assindustria Pd) 5.02 (+2.9), 4. Valentina Viel (Industriali Conegliano) 4.68 (+1.6).

fonte: Ufficio Stampa Fidal Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *