GROSSETO GIORNO 4 – MEZZOFONDO E MARCIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Nella mattinata di oggi l’unica gara di mezzofondo è stata quella dei 1500mt femminili, per le semifinali. Nella prima la russa Anna Alminova ha battuto la marocchina Siham Hilali tagliando il traguardo in 4:24.43, mentre nella seconda c’è stato un avvincente sprint finale vinto dall’ucraina Nelya Neporadna con 4:16.54 sull’ algerina Chahrazad Cheboub che ha conquistato la qualificazione per la finale con 4:16.97.
Nel pomeriggio si è disputata la finale degli 800mt femminili , corsa su ritmi davvero notevoli. Dopo un passaggio a metà gara a 59’’ dettato dalla Giamaicana Kay-Ann Thompson, ha cominciato ha farsi largo la bulgara Natalya Koreyvo che con un’azione decisa è andata a conquistare il titolo mondiale Junior in 2:01:47, siglando anche il suo nuovo record nazionale juniores, seguita dalla rumena Simona Barcau con 2:02:23, tempo che diventa il suo nuovo personale; infine la medaglia di bronzo l’ha portata a casa la Thompson protagonista del inizio di gara.
Per quanto riguarda gli 800mt maschili, invece, la vittoria è andata a Majed Saeed Sultan del Qatar, che ha migliorato il suo personale nella gara più importante della stagione concludendo la distanza in 1:47.33, contro l’1:47.39 del secondo arrivato, il keniano Alfred Kirwa Yego, mentre il turco Selahattin Cobanoglu ha fatto segnare un 1:47:71 che vale il nuovo record Juniores del suo Paese.
L’ultima gara in programma è stata quella dei 10km di marcia femminili nei quali, dopo un inizio di gara in cui la russa Vera Sokolova ha guidato il gruppo ad un’andatura di 4’45 al chilometro, la battistrada ha cominciato ad apparire in difficoltà a partire dalla seconda metà della corsa; al settimo chilometro la cinese Nan Zhang, accorgendosi del calo della sua avversaria, ha preso in mano le redini della gara aumentando il ritmo di marcia ma portandosi dietro in questo modo la russa Irina Petrova, che nel finale ha lanciato l’allungo decisivo che le ha permesso di portare a casa il titolo mondiale in 45:50:39, suo nuovo personale, mentre la sua avversaria non è andata oltre il 45:58:54. La Sokolova ha conquistato la medaglia di bronzo con 46:53:02. Da registrare la settima piazza della nostra Agnese Ragonesi con 48:00:69 a soli 4 decimi dal sesto posto.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *