USA TRIALS: A CACCIA DI UNA OLIMPIADE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Maurice Greene mostra la lingua: è tornato per difendere il titolo olimpico conquistato a Sidney. Convincente già nei turni precedenti in finale vince in 9.91. A seguire a distanza di un centesimo Justin Gatlin e dopo un altro centesimo Shawn Crawford. Montgomery solo settimo.
Crawford ha dominato i 200m correndo in batteria in 19.88 e in finale in 19.99. Un nuovo secondo posto per Gatlin e il terzo posto disponibile va a Bernard Williams. Delusione per gli esclusi illustri: Darvis Patton, Joshua J.Johnson e John Capel.

LaTasha Colander vince i 100m in 10.97, sorprendente se si considera il fatto che fino a poco tempo fa era una buona quattrocentista, seconda Torri Edwards, ma questo risultato potrebbe cambiare visto che la Edwards è stata trovata positiva a stimolanti (test A). Da segnalare il quarto posto di Gail Devers che “rischia”così di fare un’altra finale olimpica su questa distanza.
Marion Jones quindi non difenderà il titolo sui 100m ad Atene e dopo la qualificazione del lungo con la settima misura 6.39, chi la immaginava già a casa con marito e figlio a guardare le olimpiadi in televisione si è dovuto ricredere: Marion Jones ha stupito tutti con una serie di salti sopra i 6,72 e una zampata a 7.11 che la rende una delle favorite per l’oro.

Fuori dal podio tutti gli indagati degli ultimi tempi per doping sui 400m uomini e donne: Jerome Young (che ha subito una squalifica retroattiva dal 99 al 01) i gemelli Harrison e Michelle Collins. Vince la rivelazione dell’anno Jeremy Wariner in 44.37 e una mai così in forma Monique Hennegan che, lasciato il ruolo di lepre nei meeting, ha deciso di fare sul serio sul giro di pista e ha corso in 49.56, seconda Sanya Richards 49.89 migliorando ulteriormente il suo record americano junior.

Jearl Miles-Clark in grande forma guida la “famiglia” ad Atene. L’atleta veterana ha vinto gli 800m davanti a una ritrovata Nicole Teter e alla cognata Hazel Clark. Ai trials per Sidney era riuscita ad entrare anche l’altra cognata Joetta ora ritirata dalle gare.

Ritiri illustri nei 1500m: Marla Runyan (già qualificata nei 5000) e Suzy Hamilton. Regina Jacobs non ha partecipato per problemi di doping e ora è arrivata la squalifica per quattro anni, ma l’atleta ha già annunciato il suo ritiro dalle gare.

Il triplo vola: in tre sopra i 17.50. Il vincitore Melvin Lister migliora il proprio primato di più di 80 cm, 17.78, secondo Walter Davis 17.63, terzo Kenta Bell 17.58. Tim Rusan 17.37 fuori dai giochi.

Importante l’assenza di Savante Stringfellow nel lungo che apre le porte di Atene a uno scatenato Dwight Phillips.
Mike Powell all’età di quarantanni voleva esserci a questi trials ma un problema fisico l’ha costretto a rinunciare.

Fuori dal salto con l’asta lo sfortunato Jeff Hartwig che mancò anche le qualificazioni di Atlanta per un problema a una lente a contatto e fuori anche il campione olimpico e il vice Nick Hysong e Lawrence Johnson. I qualificati sono i più continui nelle occasioni che contano Derek Miles e Tim Mack con l’aggiunta del nuovo acquisto nel club dei 6 metri Toby Stevenson.
Nessuna sorpresa in campo femminile con una facile qualificazione per Stacy Dragila pronta a combattere con le due russe per il podio.

Chi non si aspettava proprio di finire fuori dal podio è Christian Cantwell.
Cantwell ha fatto cinque lanci nulli e solo uno valido a 20.56 ma non è bastato per il podio tutto sopra i 21 metri: vince Adam Nelson , seguito da Reese Hoffa e da John Godina

Negli ostacoli Gail Devers eguaglia Carl Lewis: parteciperà alla sua quinta olimpiade e tenterà di vincere finalmente un oro in questa specialità. Gail ha vinto di un soffio (2 millesimi) su Johanna Hayes, terza Melissa Morrison.
Dopo il forfait di Larry Wade in campo maschile il podio era prevedibile, ma non l’ordine d’arrivo:Trammell, Ross e solo terzo Allen Johnson.

Nei 400h grande delusione per Sandra Glover, ma largo ai giovani: prima con un tempo di 52.95 la giovane Sheena Johnson. Negli uomini il ritorno di James Carter (47.68) e Angelo Taylor che difenderà il titolo di Sidney.

Altri risultati: Alan Webb vince nei 1500, Breaux Greer nel lancio del giavellotto, Jamie Nieto nell’alto con 2.33.

Tutti i risultati su
http://www.usatf.org/events/2004/OlympicTrials-TF/schedule.asp

fonte: USA TRACK & FIELD/IAAF/YAHOO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *