STOCCOLMA, PIOGGIA E QUALCHE SORPRESA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Passa in archivio anche il blasonato Meeting di Stoccolma con qualche sorpresa ed un po' di pioggia. In bella evidenza l'atleta di casa Stefan Holm che nonostante le condizioni climatiche avverse, ha valicato i 2.33 nella gara di salto in alto.

L'altra sorpresa, questa volta meno lieta è per il triplista Christian Olsson che dopo mesi di imbattibiltà (non perdeva dal 2003), si è visto arrivare davanti il rumeno Marian Opera con 17.30. Opera, lo ricordiamo già ad elevate prestazioni nelle categorie giovanili e sta confermando ora le sue potenzialità. Il triplo alle olimpiadi sarà di certo una gara interessante da seguire.

Nella velocità, la vittoria è andata al ganese Zakari che con 10.00 ha stabilito anche il suo nuovo personale. In gara c'era anche il nostro Simone Collio che ha corso in 10.35 (+0.2) dopo una falsa partenza.
Per il resto le gare maschili non hanno offerto grandissimo spettacolo, segnaliamo solo un discreto 39.04 nella 4 x 100 maschile italiana, resa più interessante dall'inserimento di Fantoni, nuova promessa della velocità azzurra.

In campo femminile annotiamo la solita Kluft. La forte epthatleta ha scelto il salto in lungo dove ha vinto con 6.85 davanti all'americana Upshaw. L'alto ha visto ancora la forte Hestrie Cloete vincere con la buona misura di 1.97.
Chiudiamo con i 3000 donne vinti dalla keniana Masai con 8'40.02. Tale prestazione è il nuovo record della manifestazione (resisteva da 13 anni) e ha reso alla giovane africana un bel diamante da un carato.

fonte: IAAF

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_del_meeting_28.7.2004.txt (11 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *