MARTEDI 24: MEZZOFONDO E MARCIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Giornata molto intensa dal punto si vista dello spettacolo quella di ieri alle Olimpiadi di Atene; si è cominciato con le batterie dei 1500mt femminili per riscaldare un po’ il pubblico. Tra le varie eliminatorie è spiccata su tutte la prestazione della britannica Kelly Holmes, che, dopo la splendida vittoria di martedì sugli 800mt, è giunta seconda nella seconda batteria con 4:05.58, di soli 3 centesimi dietro alla russa Natalya Yevdokimova. Infine nelle altre eliminatorie la prima posizione è andata alla rumena Maria Cioncan con 4:06.68 e alla russa Tatyana Tomashova con 4:06.06.
Il crescendo di adrenalina è proseguito con una delle gare più attese della manifestazione, quella dei 3000 siepi maschili, che ai Mondiali di Parigi avevano regalato un finale al cardiopalma. Dopo un primo passaggio a 2’42 nel primo mille tre keniani, Ezekiel Kemboi, Brimin Kipruto e Kipsiele Koech, si sono messi stabilmente al comando della corsa, provocando un vistoso allungamento del gruppo, senza però forzare più del dovuto. Ad insidiare i tre africani in testa ci ha pensato un loro ex connazionale, ora in forza al Qatar, Obaid Musa Amer, che ha provato a modificare l’andamento della gara. Il tentativo, però è andato a vuoto, poiché i tre hanno cercato con tutte le loro forze e ottenuto alla fine tutti e tre i gradini del podio. Il titolo olimpico è andato a Kemboi, che ha lanciato lo scatto ai 200mt dall’arrivo, chiudendo in 8:05.81, mentre argento è finito Kipruto con 8:06.11 e a completare il podio è stato Koech che, incoraggiato sul finale dallo stesso Kemboi, ha concluso in 8:06.64. Da ricordare l’abbraccio sulla linea d’arrivo tra i compagni di squadra, più felice della loro tripletta che dei rispettivi successi personali. Solo quarto Amer con il suo nuovo personale di 8:06.64.
La serata si è conclusa con l’evento assoluto della giornata, la finale dei 1500mt maschili, dove il marocchino Hicham El Guerrouj è finalmente riuscito a conquistare il suo primo titolo olimpico, mettendo così a tacere tutte quelle voci che lo dichiaravano incapace di vincere una competizione così importante come un’Olimpiade. E sì, perché nelle precedenti edizioni il marocchino, che su questa distanza ha vinto di tutto, non era mai riuscito tra cadute e sfortuna a centrare l’obiettivo a cinque cerchi. Il tempo del vincitore è stato di 3:34.18, mentre al secondo posto si è piazzato l’altro favorito della gara, Bernard Lagat, che ha chiuso in 3:34.30, 38 centesimi davanti al portoghese medaglia di bronzo Rui Silva. Delude un po’ le attese, invece, il keniano Timothy Kiptanui che porta a casa la medaglia di legno con 3:35.61.

Risultati dei 3000st maschili:
1 KEMBOI Ezekiel KEN 8:05.81 SB
2 KIPRUTO Brimin KEN 8:06.11
3 KOECH Paul Kipsiele KEN 8:06.64
4 AMER Musa Obaid QAT 8:07.18 PB
5 MARTIN Luis Miguel ESP 8:11.64 SB
6 VROEMEN Simon NED 8:13.25 SB
7 TAHRI Bouabdallah FRA 8:14.26 SB
8 EZZINE Ali MAR 8:15.58
9 MARTIN Eliseo ESP 8:15.77 SB
10 LEDAUPHIN Vincent FRA 8:16.15 SB

Risultati dei 1500mt maschili:
1 EL GUERROUJ Hicham MAR 3:34.18
2 LAGAT Bernard KEN 3:34.30
3 SILVA Rui POR 3:34.68
4 KIPTANUI Timothy KEN 3:35.61
5 HESHKO Ivan UKR 3:35.82
6 EAST Michael GBR 3:36.33
7 ESTEVEZ Reyes ESP 3:36.63
8 LIEFERS Gert-Jan NED 3:37.17
9 KAOUCH Adil MAR 3:38.26
10 WENDIMU Mulugeta ETH 3:38.33
11 BOULAHFANE Kamal ALG 3:39.02
12 SONGOK Isaac Kiprono KEN 3:41.72

fonte: AtleticaNET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *