VENERDI 27: VELOCITÀ – 110 HS FINALE UOMINI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Alla fine ha vinto uno dei favoriti, ma quanta tensione e quante situazioni particolari si sono manifestate in questa finale.
Alla vigilia il francese Ladji Doucouré, con due prestazioni convincenti in batteria e in semifinale, ci aveva convinti a puntare su di lui.
Ma l’uomo che si posiziona sul “pronti” con la testa alta e la faccia rivolta all’ostacolo, è incappato in un brutto avvio. Il cinese Xiang Liu, tempo di reazione 0.139, gli ha preso un buon metro di vantaggio in partenza. La brutta partenza ha condizionato il francese che nella foga della rincorsa si è disunito ed ha “litigato” con due ostacoli nel punto cruciale della gara, perdendo definitivamente linea di corsa e terminando quindi all’ultimo posto con un tempo altissimo (13.76). Peccato!
La gara è stata caratterizzata da una falsa partenza, volontariamente provocata dall’americano Terrence Trammell al fine di costringere gli avversari a starsene buoni sui blocchi senza tentare sortite avventate. E’ questa una delle “storture” della nuova regola in tema di partenze, alla quale evidentemente i soloni dell’atletica internazionale non avevano pensato.
Al via valido Liu è uscito dai blocchi come una furia prendendo subito un netto vantaggio sul lotto dei concorrenti, contrastato dall’americano Trammell.
La corsa del cinese era però più penetrante e vigorosa. Il passaggio dell’ostacolo molto radente e la gamba di attacco velocissima e riportarsi a terra per una nuova spinta.
Al settimo ostacolo l’americano alzava bandiera bianca e lasciava via libera al cinese che si gettava in tuffo sul traguardo, imitando in questo un grande della specialità, un atleta che Liu eguaglierà al vertice della supremazia della specialità andando ad eguagliare il suo primato del mondo.
Infatti il 12.94 lanciato dalla grafica al momento dell’arrivo è stato corretto il 12.91 una volta letto con maggiore attenzione il foto-finish.
La misura rappresenta il nuovo record olimpico (prec. 12.95, Allen Johnson, Atlanta 1996), ed eguaglia il primato mondiale stabilito dall’inglese Colin Jackson (Stoccarda, 20 agosto 1993).
L’americano Tremmell è riuscito a districarsi nell’affollato arrivo alle spalle di Liu, ed a conservare il secondo posto (13.18) dall’insidia che gli ha portato il cubano Arnie Garcia (13.20).
Solo la lettura dei centesimi ha potuto dirimere la posizione fra il giamaicano Wignal ed il lettone Olijars, entrambi cronometrati a 13.21.
Staccati il canadese Charles Allan (13.48), il brasiliano Inocencio ed un deluso e amareggiato Ladji Doucouré.

fonte: Atleticanet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *