MARATONA DI CARPI: I KENIANI NON SI FERMANO MAI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Haron Kiplimo Toroitich ha vinto la Maratona d’Italia Memorial Enzo Ferrari facendo il record della corsa (2:09:09) migliorando l’ormai vecchio record dello spagnolo Fabian Roncero che risaliva al 1996.

Questo risultato è stato ottenuto anche grazie all’ottimo lavoro delle lepri, Songoka, Matviychuk, Maiyo e Kemboi Rotich, che hanno condotto gli atleti con passaggi di: 30:25 ai 10km, 45:40 ai 15km, 1:01:30 ai 20km e alla mezza maratona in 1:04:18.

“Ai 25km mi sentivo bene, allora ho deciso di finire la gara”
Richard Maiyo esaurito il suo compito di lepre ha continuato a correre ad ha terminato la maratona battagliando col suo connazionale per la prima posizione. Giornata molto soddisfacente per lui che ha frantumato il proprio primato personale: da 2:16:04 (alla maratona di Los Angeles) a un 2:09:47 che gli ha permesso di arrivare al secondo posto.

Il campione europeo junior dei 10000 metri l’ukraino Matviychuk ha corso ‘per riscaldarsi’ in vista del grande appuntamento che lo aspetta il 7 novembre: il suo debutto nella maratona a New York (dove vedremo una altra novità interessante nel mondo della maratona:l’australiana Benita Johnson).

“Il lavoro delle lepri è stato eccellente. Sfortunatamente ho avuto dei problemi tra il venticinquesimo e il trentesimo chilometro e ho perso la possibilità di correre al di sotto di 2:10 che era il mio obiettivo alla partenza.”
Ruggero Pertile completa il podio giungendo al terzo posto: unico italiano in un mare di keniani.

Vittoria del Kenya anche fra le donne.
Il trio di testa iniziale sarà il podio finale: la keniana Anne Jelagat Kibor, l’ukraina Tatyana Hladyr e l’etiope Meseret Kotu.
Ai 15km la keniana stacca le altre due giungendo al venticinquesimo chilometro con un vantaggio maggiore di un minuto a questo punto per lei la strada è ‘in discesa’.

RISULTATI
uomini
1 Haron Kiplimo Toroitich (Kenya) 2:09:09
2 Richard Maiyo Kiprono (Kenya) 2:09:47
3 Ruggero Pertile (Italy) 2:10:22
4 Johnstone Changwony (Kenya) 2:10:59
5 Samson Kosgei (Kenya) 2:11:43
6 Nelson Lebo (Kenya) 2:13:16
donne

1 Anne Jelagat Kibor (Kenya) 2:30:54
2 Tatyana Hladyr (Ukraine) 2:32:44
3 Meseret Kotu (Ethiopia) 2:41:20

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *