HARVARD: GLI ESSERI UMANI SONO NATI PER CORRERE?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

LONDRA – “Gli esseri umani sono nati per correre e si sono evoluti dalle creature simili alle scimmie all'aspetto attuale a causa della loro necessita' di muoversi in fretta per coprire grandi distanze. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Nature, nella quale scienziati dell'Universita' di Harvard hanno analizzato tutte le caratteristiche del fisico umano, dai muscoli delle gambe a quelli delle natiche, concludendo che tutte indicano una struttura che si e' affinata per permettere la corsa.

Circa 2 milioni di anni fa inizio' questa evoluzione, volta a consentire agli esseri umani di cacciare e cercare cibo a largo raggio. Per converso, dicono, sparirono alcune caratteristiche tipiche dei primati, come quelle che consentono di arrampicarsi in fretta sugli alberi.

Tradizionalmente, si e' ritenuto che la corsa fosse un prodotto secondario dell'essere in grado di camminare su due piedi, una caratteristica che si manifesto' negli australopitechi, 4,5 milioni di anni fa. Ma per gli scienziati di Harvard, Daniel Liberman e Dennis Barnbel, l'evoluzione fisica non fu generata dalla necessita' di camminare (capacita' che duro' 2,5-3 milioni di anni prima del passaggio all'essere umano attuale, ricordano), ma da quella di correre.

E spiegano che e' il corpo umano a dimostrarlo: tra le caratteristiche indicate, quella delle gambe piu' lunghe, gli avambracci piu' corti per consentire l'equilibrio della parte alta del corpo, vertebre piu' larghe per meglio attutire l'impatto col suolo generato dalla corsa, e infine le natiche che tengono in piedi l'uomo mentre corre.”

E' la rivincita dell'atletica sullo stile di vita sedentario e pigro dei nostri tempi? Lo speriamo tutti noi appassionati, anche se e' bene dubitare che qualcosa cambi grazie soltanto ad uno studio scientifico, seppur importante e pubblicato da una rivista autorevole..

fonte: ANSA.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *