IL KENIA FA DA PROTAGONISTA A MILANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

La Milano Marathon 2004 ha visto oggi un vero e proprio dominio del Kenia, con le vittorie di Daniel Cheribo nella gara maschile e Rita Jeptoo in quella femminile, in una corsa a cui hanno partecipato ben 5000 corridori. La manifestazione è stata aperta ieri dal tanto atteso incontro tra i due protagonisti della Maratona Olimpica di Atene, l’azzurro Stefano Baldini e il brasiliano Vanderlei De Lima, che, così, hanno finalmente avuto la possibilità di mettere a tacere tutte le polemiche sui presunti contrasti tra i due atleti.
La corsa maschile è cominciata su ritmi davvero proibitivi e nei successivi chilometri il ritmo non è diminuito. Al 19°km la gara ha perso il suo maggiore favorito, il vincitore di Atlanta ’96 Josia Thugwane, che, dopo una breve sosta, non è riuscito a ritornare sul gruppo. Al 30°km le lepri hanno terminato il loro lavoro, quindi Cheribo e Benjamin Kemboi Kipchumba hanno cominciato la loro gara in solitaria; dopo un decina di chilometri, però, Kipchumba, già in evidente difficoltà, ha dovuto lasciare il suo compagno di fuga, rallentando considerevolmente l’andatura. Così Daniel Cheribo si è potuto lanciare da solo verso il traguardo, tagliato nell’ottimo tempo di 2:08:38; alle sue spalle altri 4 connazionali hanno completato il completo successo del Kenia.
Stessa storia nella gara femminile, che è stata illuminata dalla grande prestazione di Rita Jeptoo, transitata a metà gara in 1:13:30 insieme alla nostra Gloria Marconi. Purtroppo, però, quest’ultima nella seconda frazione di gara ha accusato un dolore al nervo sciatico, che l’ha costretta a rallentare. Alla fine il tempo della keniana è stato di 2:28:11, mentre la Marconi non è potuta andare oltre un tutto sommato buon 2:31:53.

fonte: Fidal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *