KIPCHOGE E DIBABA VINCONO AD EDIMBURGO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

KIPCHOGE E DIBABA VINCONO AD EDIMBURGO
Il keniano Eliud Kipchoge e l’etiope Tirunesh Dibaba, entrambi campioni mondiali in carica sui 5000m, hanno vinto ieri il tradizionale Cross di Edimburgo, competizione che ogni anno richiama i migliori specialisti da tutto il mondo.
Per il ventunenne Kipchoge quello di ieri è uno storico ritorno alla vittoria sul cross in territorio europeo, dopo quella riportata nel 2003 ai Campionati Mondiali di Cross nella categoria Junior. Il keniano ha dominato la gara per tutti i 9.200 metri del percorso, imponendo un ritmo infernale fin dalle prime battute di gara, rischiando però di perdere la prima posizione a pochi metri dall’arrivo. L’iniziale gruppetto di testa era formato da otto atleti di tutto rispetto: il detentore del record mondiale sui 3000st Saif Saaeed Shaheen, la medaglia di bronzo sui 10.000 ad Atene Zerseney Tadesse i due etiopi Dejene Berhanu e Gebre Gebremariam, il keniano Rugut, nonché il cinque volte campione europeo di cross Sergiy Lebid e l’australiano Craig Mottram. Di tutti questi atleti, però, nessuno è sembrato così in condizione da contrastare la splendida azione di Kipchoge, che ha abbandonato uno ad uno tutti gli avversari, fino a giungere all’ultimo giro insieme a Berhanu, che negli ultimi metri è arrivato anche a portarsi in prima posizione; il sogno dell’etiope, però, è durato pochi secondi, poiché Kipchoge si è rifatto sotto ed ha battuto allo sprint l’avversario, concludendo con il tempo di 27:43, tre secondi in meno della medaglia di bronzo Gebremariam, autore di una pregevole prestazione. “Ho comandato dall’inizio e non volevo perdere negli ultimi 200 metri” ha detto a fine gara il vincitore, che ha tenuto ad aggiungere “non è bello per me parlare ora di Kenenisa, perché è ancora in periodo di lutto e la mia tradizione mi impone di rispettarlo, ma prometto al mondo di fare del mio meglio per conquistare una medaglia ai Campionati del Mondo”.
Per quanto riguarda la gara femminile, la diciannovenne etiope Tirunesh Dibaba ha conquistato la vittoria al termine di un entusiasmante sprint con l’australiana Benita Johnson, concludendo i 6.200 metri del percorso col tempo di 21:35.
Nelle prime battute di gara il quartetto etiope composto da Tirunesh Dibaba, sua sorella maggiore Ejegayehu, Meselech Melkamu e Etalemahu Kidane si è dato regolarmente il cambio al comando della gara, con la Johnson e le keniane Hilda Kibet e Susan Chepkemei in attesa di qualche iniziativa. Un primo spunto è stato lanciato dalla Kibet, che però non è riuscita a far altro che permettere al terzetto Johnson, Dibaba, Melkamu di staccarsi; è stata proprio l’australiana a lanciare l’allungo finale a 1,5km dall’arrivo, ma si è dovuta arrendere alla Dibaba, che, dopo aver contenuto l’attacco dell’avversaria, è andata a vincere allo sprint.
A fine gara la Dibaba si è dichiarata contenta della vittoria, soprattutto della sua brillantezza nel finale, ed ha annunciato la sua intenzione di non disputare altre gare fino ai Campionati del Mondo, dove parteciperà al cross corto. Una punta di insoddisfazione per il secondo posto, invece, per la Johnson, che, però, ha ammesso la netta superiorità delle etiopi nella gara di oggi, ma ha promesso di riscattarsi al più presto.

Risultati:

Uomini (9.2km):
1. E Kipchoge (Ken) 27:43,
2. D Berhanu (Eti) 27:44,
3. G Gebremariam (Eti) 27:45,
4. S Saaeed Shaheen (Qat) 28:06,
5. S Lebid (Ucr) 28:08,
6. Z Tadesse (Eri) 28:13,
7. H Sugut (Ken) 28:46,
8. F Bowen (Ken) 29:05,
9. C Mottram (Aus) 29:13,
10. T Broe (USA) 29:27

Donne (6.2K):
1. T Dibaba (Eti) 21:35,
2. B Johnson (Aus) 21:36,
3. M Melkamu (Eti) 21:44,
4. E Kidane (Eti) 21:53,
5. H Kibet (Ken) 21:54,
6. S Chepkemei (Ken) 22:25,
7. E Dibaba (Eti) 22:25,
8. H Yelling (Ing) 22:28,
9. K Butler (Sco) 22:35,
10. A Kaloviks (Ung) 22:49,

fonte: IAAF- Foto: time-to-run

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *