E’ TEMPO DI TORNARE IN PISTA!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Dopo un periodo di lutto per la prematura, tragica scomparsa della sua fidanzata, la campionessa mondiale junior del 1500 m Alem Techale, Kenenisa Bekele torna alle gare esordendo in un 3000 m. alle Reebok Boston Indoor Games sabato 29 gennaio.
Bekele detiene il record mondiale indoor dei 5000 (12’49”60, stabilito lo scorso anno a Birmingham) e sara’ accolto dalla vasta comunita’ etiope che risiede a Boston, come lo fu Gebrselassie lo scorso anno nella stessa occasione. A rendere la vita difficile a Bekele provvedera’ Markos Geneti, detentore del primato mondiale junior indoor dei 3000m. (7’40”83, a Karlsruhe nel 2003).

Meseret Defar, campionessa mondiale indoor dei 3000 m. e olimpica dei 5000 m. ad Atene, prendera’ il via nello stesso meeting per il 3000 m. femminile. Lo scorso anno la Defar aveva vinto qui uno il 5000 m. indoor piu’ veloce della storia, con il suo secondo miglior tempo di sempre (14’53”14) e altre quattro atlete etiopi a siglare risultati fra i primi 10 del top ranking.

Berhane Adere, la campionessa mondiale dei 10.000 m. inaugurera’ il suo 2005 agonistico prendendo parte invece ad un 3000 m. in occasione del meeting indoor IAAF Sparkassen Cup a Stoccarda, sempre il 29 gennaio.

Infine buone notizie per Naoko Takahashi, vincitrice della maratona olimpica di Sydney 2000. La forte maratoneta giapponese era rimasta vittima di una frattura di caviglia a settembre, mentre era in allenamento in Colorado. Domenica 24 gennaio Naoko ha partecipato alla mezza maratona di Chiba, concludendola senza avvertire dolore ad un’andatura per lei da jogging: 1h26’16, per un’atleta dal personale di 1h08’55. Ma per la Takahashi, ormai 32enne, era importante tornare a passare i 20 km senza problemi ed ha scelto di non farlo in allenamento ma in una condizione competitiva.

fonte: IAAF – The Japan Times

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *