MADRID:WEISSTEINER E OBRIST:APPUNTAMENTO AZZURRO A DOMENICA SERA!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Buona vetrina per il mezzofondo in questa prima giornata di gare europee!
Subito un 3000 uomini non troppo positivo per l’Italia con l’eliminazione di Cosimo Caliandro: due batterie per un tempo pressoché unico (7’54”) vinte da Cragg ed Estevez rispettivamente primo e secondo nelle liste europee stagionali; un po’ di rammarico per Caliandro che ripetendo il suo primato stagionale avrebbe potuto garantirsi un posto per la finale di domani sera.
Nel pomeriggio tre batterie di 800m uomini, orfani del leader stagionale Borzakowskiy, che mettono in luce il giovane Reina (miglior tempo di qualificazione, 1’47”70) e il ripescaggio al terzo miglior tempo per l’olandese Okken, secondo nelle liste europee 2005.
Gli 800 donne vedono al via nella seconda batteria Alexia Oberstolz: la sua è la batteria più forte tra le tre disputate. Un tempo sui suoi personali e un pizzico di fortuna avrebbero potuta farcela vedere in finale! I migliori tempi sono andati a Chzhao (2’03”41) e Gradzki (2’03”75) rispettivamente prima e seconda nella batteria corsa anche da Oberstolz. La prima batteria invece aveva visto la vittoria della Vashentseva (seconda nelle liste stagionali europee, proprio dietro alla Chzhao), mentra la terza batteria vedeva l’eliminazione di una presenza importante come la slovena Ceplak.
Le batterie di 1500m donne sono state di routine per tutte le migliori, con la sola Iagar che si avvicinava ai 4’10. Seguivano gli uomini, con Heshko, il favorito della gara dall’alto del suo 3’33 stagionale, a fare il miglior tempo (3’42”70) e con ottime notizie per l’italiano Christian Obrist che aggancia l’ultimo posto valido per la finale con un 3’44”21 vicino al suo limite stagionale.
Chiudono la serata i 3000m donne; altra nota positiva per l’Italia con una Silvia Weissteiner in ottima forma che dopo aver smosso il ritmo, resta agganciata al treno delle prime della sua batteria e si fa trascinare ad un personale migliorato di 4” (9’03”58). Il miglior tempo tra le due batterie è della polacca Chojecka (8’58”99).

fonte: Varia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *