AI MODIALI DI CROSS DOPPIETTE PER BEKELE E DIBABA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Si è conclusa oggi Domenica 20 Marzo a Saint Galmier, in Francia, la 33° Edizione dei Campionati Mondiali di Cross che ha visto come suo protagonista l’etiope Kenenisa Bekele, arrivato a quota otto successi negli ultimi quattro anni. Per lui sono arrivate le due vittorie, sia nel cross corto che in quello lungo, già ipotizzate dai pronostici. La stessa doppietta è riuscita in campo femminile anche all’etiope Tirunesh Dibaba.

Nel cross corto uomini la corsa è partita già dall’inizio su ritmi vertiginosi; dopo due dei quattro chilometri previsti il primatista mondiale dei 3000st Shaheen Saif Saaeed del Qatar ha staccato tutti, guadagnando qualche decina di metri sul gruppo. Subito l’etiope è partito al suo inseguimento e in breve tempo il fuggitivo è stato sorpassato da un Kenenisa Bekele in grande spolvero. Intanto il keniano Abraham Chebii si era, però, avvicinato visibilmente al nuovo battistrada, seguito a ruota dal connazionale Isaac Kiprono, quindi Bekele ha dato un’ultima prova di forza per incrementare nuovamente l’andatura, andando, così, a vincere il titolo mondiale sul cross corto.
Tra gli italiani ottimo 36° posto per Simone Zanon, ma bene anche per Yuri Floriani, 62°, e l’intramontabile Luciano Di Pardo, 63°.

Il cross lungo femminile ha visto un folto gruppo di atlete rimanere compatto nella prima parte di gara; la corsa è proceduta in maniera piuttosto stabile e regolare, senza attacchi decisi, ma solo con numerosi rimescolamenti all’interno del gruppo. Alla fine Tirunesh Dibaba ha preso l’iniziativa ed ha allungato sulle altre, seguita a fatica dalla connazionale Werknesh Kidane e dalla keniana Alice Timbilili; la Dibaba è riuscita a mantenere il suo piccolo vantaggio nello sprint finale, concludendo con il tempo di 26:34, mentre tre secondi dopo la keniana batteva di un soffio la Kidane, che si doveva accontentare della medaglia di bronzo. Per quanto riguarda la classifica a squadre prima l’Etiopia davanti al kenia, mentre al terzo posto sorprende tutti il Portogallo.

Nel cross lungo maschile, disputato su 6 giri per un totale di 12 km, la gara è stata tirata fin dalle prime battute, con Kenia ed Etiopia davanti a fare il ritmo; nel gruppo di testa si sono subito messi in mostra Bekele, il keniano Eliud Kipchoge, medaglia d’oro nei 5000m a Parigi, il giovane atleta dell’Uganda Boniface Kiprop e quello dell’Eritrea Zersenay Tadesse, che si sono avvicendati in continui attacchi. Tuttavia la gara è proceduta regolare fino al quarto giro, quando dalla testa della corsa, rimasta composta da 7 atleti, hanno preso il largo Bekele e Kipchoge, inseguiti a pochi metri da Tadesse. All’inizio dell’ultima tornata, però, l’etiope ha allungato di colpo il passo, distanziando in pochi secondi il suo avversario di una decina di metri; il suo vantaggio è andato aumentando, mentre dietro il keniano si faceva sorpassare da Tadesse. La classifica finale ha visto vincere Bekele con il tempo di 35:06, quattordici secondi davanti a Tadesse, mentre una distrazione di Kipchoge sulla linea d’arrivo ha regalato il terzo posto all’atleta del Qatar Abdullah Ahmad Hassan e il quarto all’etiope Abebe Dinkesa Negera, facendogli perdere ben due posizioni.
Per quanto riguarda gli europei il miglior piazzamento è stato il 14° posto dell’ucraino Sergiy Lebid, autore di una gara tutta in rimonta, mentre il secondo è stato lo spagnolo Juan Carlos de la Ossa con il suo 24° posto. Tra gli italiani buona prova per Gabriele De Nard, che ha concluso 43° , poco avanti a Maurizio Leone, finito al 47° posto. A completare la formazione azzurra sono stati Umberto Pusterla (74°) e Giuliano Battocletti (77°) , per un 10° posto di squadra che piazza l’Italia terza tra le europee.

Il cross corto femminile, corso sui 4 km, ha visto un duello tutto incentrato tra Kenia e Etiopia, rimasto acceso fino ad oltre metà gara, quando le due etiopi Tirunesh Dibaba e Werknesh Kidane sono partite in fuga per giocarsi la vittoria finale. La Dibaba non ha mostrato alcun segno d’affaticamento della gara di ieri e sullo sprint ha preceduto agilmente la connazionale, concludendo la gara con il tempo di 13:15 e portando a casa il secondo titolo mondiale in due giorni. Il terzo gradino del podio è stato conquistato dalla keniana Isabelle Ochichi e più dietro ancora Kenia con Prisca Jepleting Ngetich e Lucy Wangui ; solo sesta Meselech Melkamu , ma il suo piazzamento è stato fondamentale per regalare all’Etiopia la vittoria di squadra, davanti a Kenia e Giappone.

RISULTATI:
Cross Lungo Uomini:
1 Bekele Kenenisa ETH 35:06
2 Tadesse Zersenay ERI 35:20
3 Hassan Abdullah Ahmad QAT 35:34
4 Negera Abebe Dinkesa ETH 35:37
5 Kipchoge Eliud KEN 35:37

Cross Lungo Donne:
1 Dibaba Tirunesh ETH 26:34
2 Timbilili Alice KEN 26:37
3 Kidane Werknesh ETH 26:37
4 Melkamu Meselech ETH 26:39
5 Ochichi Isabella KEN 26:43

Cross Corto Uomini:
1 Bekele Kenenisa ETH 11:33
2 Chebii Abraham KEN 11:38
3 Songok Isaac Kiprono KEN 11:39
4 Shaheen Saif Saaeed QAT 11:42
5 Salem Jamal Bilal QAT 11:43

Cross Corto Donne:
1 Dibaba Tirunesh ETH 13:15
2 Kidane Werknesh ETH 13:16
3 Ochichi Isabella KEN 13:21
4 Ngetich Prisca Jepleting KEN 13:25
5 Wangui Lucy KEN 13:25

fonte: IAAF – foto: africansport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *