SERGEY LEBID VINCE LA “SCARPA D’ORO” A VIGEVANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

VIGEVANO (PV) Sabato 9 aprile. – Sergey Lebid, il biondo atleta ucraino, cinque volte campione europeo di cross è il nuovo re della Scarpa d¹Oro – Memorial Dante Merlo di Vigevano, classica corsa su strada che dal 1980 si corre nel centro storico della città lomellina. Sull¹insidioso e tecnico tracciato, che attraversa il castello e una strada coperta e che in passato era usata dagli Sforza per entrare ed uscire dalla città in perfetta solitudine, Lebid ha spezzato la resistenza de keniani John Cheruiyot Korir e David Chelule, giunti nell¹ordine. Per oltre metà gara gli atleti hanno corso praticamente in gruppo, con i migliori sempre nelle prime posizioni a controllarsi a vicenda. Quando, al quarto dei sette giri in programma, Korir ha rotto gli indugi allungando prepotentemente, Lebid gli si è incollato alle spalle senza mai perdere la scia. Sornione ha atteso gli ultimi trecento metri, un tratto in piano poco prima di entrare nella splendida Piazza Ducale, per sferrare il suo attacco micidiale. E quando ha deciso di andarsene nessuno è più stato in grado di riprenderlo. Un allungo, il suo, imperioso che ha messo in mostra tutta la potenza muscolare dell¹ucraino.

Positiva la prova di Ruggero Pertile, quarto al traguardo e primo degli italiani. Il maratoneta veneto ha condotto una gara accorta e tutta in rimonta che lo ha visto recuperare posizioni su posizioni e lasciarsi così alle spalle atleti più abituati a gare ³corte² e nervose.

Lebid a Vigevano si era già imposto nel 2001 quindi iscrisse il suo nome per la prima volta nell¹albo d¹oro di questa corsa che in passato aveva salutato le gesta di atleti del calibro di Sebastian Coe (due vittorie), Steve Ovett (3), Alberto Cova (3), Paul Tergat (3) e John Yuda (2), Gelindo Bordin, Stefano Mei, Di Napoli, Hissou, Panetta, Mouhrit, e nell¹ultima edizione il keniano Benson Barus.

Ora Lebid trascorrerà due settimane a casa, quindi dal 1 maggio si recherà sui monti del Caucaso per preparare l¹esordio estivo che dovrebbe avvenire ai primi di giugno, nei meeting di Milano o Torino dove lo vedremo impegnato sui 3000 o 5000 metri, la gara a cui sta pensando di iscriversi ai prossimi Campionati Mondiali che si terranno ad agosto a Helsinki.

Ordine d¹arrivo. 1. Sergey Lebid (Ukraina) 23¹19², 2. J. Korir (Kenia) 23¹24², 3. D. Chelule (Kenia) 23¹47², 4. Ruggero Pertile 23¹53², 5. Ndiwa (Ken) 23¹55², 6. El Hachimi (Marocco) 23¹56², 7. De Nard 24¹01², 8. Gualdi 24¹13², 9. Regazzoni 24¹18², 10. Cesari 24¹21².

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *