WEEKEND DI STAFFETTE IN TEXAS: PARTE LA STAGIONE DI MAURICE GREENE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

E’ stato il tradizionale appuntamento “Saturday of Speed” lo scorso 9 aprile, ad Austin, in Texas, ad aprire ufficialmente la stagione all’aperto. Di scena le staffette, con molti velocisti di primo piano, tra cui l’acclamato Maurice Greene all’esordio outdoor per l’occasione.

Greene non ha tradito le attese, sempre guascone e spettacolare, ha saputo trascinare il gruppetto di compagni del club HSI di John Smith, al primato mondiale stagionale con 38”48. Nell’ordine Capel, Scott, Conwright e Greene hanno fatto transitare il testimone della 4×100 per primi sul traguardo, imponendosi sulle staffette All-Star USA finite dietro con il tempo di 38”68 e 38”93. Una buona prova per i ragazzi di John Smith e per Maurice Greene soprattutto, sempre disponibile più del dovuto con fans e giornalisti.

La “pallottola” di Kansas City non ha nascosto gli obiettivi della stagione, ossia il titolo mondiale nei 100 metri ed almeno 4 prestazioni sotto i 10”00, proprio quelle che servirebbero per divenire il primo uomo al mondo ad aver corso per 60 volte i 100 in meno di 10 secondi. Stuzzicato sul record del mondo, Greene si è limitato a ribadire che correrà al limite delle sue possibilità per ottenere il miglior tempo.

Il resto del pomeriggio è trascorso sull’onda di buone prestazioni aiutate da un vento oltre i limiti nelle discipline individuali, mentre le staffette hanno conribuito al divertimento dei molti appassionati. Se il giovane Walter Dix ha ottenuto il crono migliore nei 100 in 9”96 con 4,5 m/s di vento, tra le donne è stato il nome di Marshevet Hooker ad attirare l’attenzione con un 100 in 11”00, folata a favore di 5,7 m/s.
Nelle altre staffette il campione olimpico dei 400,Jeremy Wariner, ha trascinato la sua rappresentativa di 4×400, chiudendo in 3’01”91, tempo di tutto rispetto, comparabile al 3’28”53 ottenuto dalla compagine femminile composta anche da Sanya Richards e Raasin Mcintosh. Meno sensazionale la 4×100 donne che ha fatto segnare 43”25; bene infine i risultati regolari nelle prove di ostacoli, con il 55”37 di Melanie Walker nei 400 hs ed il 12”83 di Ashlee Williams nei 100 hs.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *