LIU XIANG E JUSTIN GATLIN LE STELLE DEL MEETING IAAF D’OSAKA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Al meeting Iaaf d’Osaka erano attesi ben cinque campioni olimpici, ma dopo alcuni ritiri ed una sconfitta eccellente, quella della russa Olga Kuzenkova, nel lancio del martello, che è giunta seconda dietro la cinese Zhang Wenxiu, vincitrice della gara con un lancio di 72 metri e 34, mentre la Kuzenkova è rimasta lontana dai limiti lanciando a soli 69 metri e 77, le due stelle del meeting sono stati, Justin Gatlin e Liu Xiang che hanno risollevato le sorti della manifestazione facendo registrare una buona prestazione, nel caso dei cento metri di Gatlin, e un ottimo tempo per quanto riguarda i 110 ostacoli del giovane cinese Liu Xiang, che è andato a far registrare la migliore prestazione stagionale del mondo.
Gatlin ha vinto la gara con il tempo di 10.15, battendo nettamente il connazionale lo statunitense Lewis Brian secondo con 10.28, terzo, Thompson Obadele delle isole Barbados con 10.30. Gatlin ha espresso parole di soddisfazione per la gara, è un buon inizio di stagione, sicuramente andrà sotto i dieci secondi entro il prossimo mese, e volendo scherzare un po’ sulla sua mancata discesa sotto la fatidica soglia, ha esordito dicendo, ” ho avuto qualche difficoltà ad interpretare i comandi dello starter, dati in giapponese
Liu Xiang nei 110 ostacoli ha letteralmente bruciato la pista facendo registrare il tempo di 13.12, dietro di lui molto lontano il giapponese Naito Masato 13.53 che è riuscito a stare vicino a Liu Xiang fino al quinto ostacolo per poi cedere alla furia del cinese.
L'atleta cinese, campione olimpico agli scorsi giochi olimpici di Atene, dove ha eguagliato il primato mondiale, era anche lui alla prima uscita della stagione, a lui si chiede di migliorare il record del mondo, ed il giovane atleta, appena ventiduenne, è consapevole della cosa, ma continua ad affermare che ha ancora solo ventidue anni e si aspetta di avere il massimo da se stesso a ventisei anni, per il momento ritiene di non essersi allenato molto, ma visto che i mondiali si avvicinano, incomincerà una seria preparazione in vista di quest’evento.

fonte: Iaaf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *