SUPER COLLIO A LUGANO: 10″29

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Buon rientro alle competizioni outdoor per Simone Collio, che con 10”29 (+0,9) ridisegna le graduatorie nazionali posizionandosi al vertice della classifica.

Dopo una partenza non all’altezza delle sue possibilità riesce a distendersi e ad esprimersi in un lanciato fluido e penetrante.

Il periodo di convalescenza che ha costretto Simone ai box , sembra non avere lasciato tracce nelle sue fibre, dimostrando di aver ritrovato la brillantezza della stagione indoor.

Non altrettanto entusiasmante la verifica del quartetto impegnato nella 4×100 maschile che con Collio, Verdecchia, Donati e Cavallaro, non riesce ad abbattere il muro dei 39”00.

Di medio spessore i riscontri tecnici della spedizione azzurra.

Solo Andrea Alterio ostacolista delle Fiamme Gialle porta a casa un risultato di valore coprendo i 110 hs,. 13”69 e precedendo il più accreditato Pizzoli che chiude la prova in un modesto – per lui – 13” 84.

Trentin pur vincendo la gara del lungo si deve accontentare di 7,79 mt. , mentre Stefano Da Castello fa registrare un 7,41.

Verdecchia porta a casa un 10”48 (+1,0) che, sebbene vada a migliorare il 10”67 della Notturna, non ha ancor nulla a che vedere con il 6”59 di queste indoor. Nella seconda serie dei 100 mt. Massimiliano Donati della rappresentativa italiana (10”58) viene preceduto dal Carabiniere Massimiliano Dentali (10”57), mentre il ritrovato Attene che era atteso ad una verifica dopo il 20”70 si deve per questa volta accontentare di un 21”17.

In chiave azzurra il quartetto della 4×100 non sembra poter avere una composizione ben definita. Molta è la concorrenza che preme sui titolari e molti sono gli atleti che non sono ancora scesi in pista. I campionati Italiani di Bressanone saranno un banco di verifica per molti.

Nei 1500 uomini settima piazza per Tiziano De Marco che copre la distanza in 3’45”40.

Si aggiudica la prova del peso Corrado Fantini con 17,81. Nel disco Diego Fortuna con 61,40 si fa precedere da un brillante Hannes Kirchler che centra un notevole 62,08.

fonte: Beppe Palmiotto

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_completi_5.6.2005.zip (25 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *