COPPA EUROPA 2005, A FIRENZE BRILLA NICOLA CIOTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Ha preso il via ieri sera la Coppa Europa 2005 allo stadio Ridolfi di Firenze. Nella serata introduttiva della tre giorni di gare di questo weekend, ottima prova di Nicola Ciotti nel salto in alto, al secondo posto con il primato personale uguagliato di 2,30 metri. Tra gli azzurri bene anche Laura Bordignon (disco), quarto e secondo posto senza esaltare per Nicola Vizzoni (martello) e Fiona May (lungo).

Le due formazioni tricolori cominciano discretamente l’avventura della Coppa Europa SPAR per nazioni, che per il secondo anno consecutivo è ospitata dal bellissimo stadio intitolato a Luigi Ridolfi, nel quartiere Campo di Marte del capoluogo toscano. L’obbiettivo, per entrambe le squadre, è la salvezza: impresa ardua per le ragazze, più agevole (ma comunque insidiosa) per gli uomini.

E proprio dalla squadra maschile arriva il risultato migliore della prima giornata, quello del saltatore in alto emiliano Nicola Ciotti, autore di una gara piena di carattere conclusa con un salto a 2,30 al terzo tentativo. Soltanto il russo Aleksey è riuscito a batterlo, forte del minor numero di errori nella misura precedente.

Nelle altre gare, quarto posto con un cortino 74,82 mt per Nicola Vizzoni nel martello (vittoria del polacco Zìolkovski a 79,14), deludenti i mezzofondisti: sesto Salvatore Vincenti nei 5000 in 14’00”97 (vittoria dello spagnolo De La Ossa in 13’30”97), settimo Juri Floriani nei 3000 siepi (8’40”82, al primo posto un altro spagnolo, Jimenez, in 8’20”17).

Tra le donne, il risultato migliore dal punto di vista del piazzamento è stato il secondo posto di Fiona May nel salto in lungo dietro la russa Simagina (6,76). La primatista italiana però non ha convinto, riuscendo ad arrivare soltanto a un misero (per lei) 6,43 (+0.1). Tutt’altro sapore ha il sesto posto di Laura Bordignon: la giovane discobola ha siglato un 57,23 (primato personale) che lascia ben sperare per il rinnovamento della specialità dopo gli anni di dominio di Agnese Maffeis. Ottimo il 64,38 della vittoria per la tedesca Dietzsch.

Da applaudire anche la grinta di Agnese Tschurtschenthaler, settima allo sprint finale in una proibitiva gara dei 3000 siepi, con il primato personale di 10’08”42 (prima la romena Casandra, 9’35”95). Altrettanto brava Silvia Weissteiner nei 5000 metri, sesta (anche per lei un primato personale) in 15’34”23, in una gara dominata dalla russa Shobukhova (15’01”15).

Nelle gare di contorno sui 100 metri, da segnalare il 10”59 di Stefano Anceschi (-0.1) e, tra le donne, l’11”85 di Giulia Arcioni e l’11”91 di Maria Aurora Salvagno.

I risultati della manifestazione in tempo reale possono essere consultati cliccando sul link seguente: http://www.sportresult.com/sports/la/framework/eaa.asp?module=timetable_date&event_id=10000100000001&lang=en.

fonte: EAA (foto: FIDAL/Omega)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *