COPPA EUROPA 05 DAY 2 – SALTI E LANCI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Lungo
Nicola Trentin con un primo salto a 7.81 è rimasto in prima posizione per buona parte della gara, finchè al terzo salto il tedesco Winter trova la zampata a 8.06. Forse il favorito Skhurlatov dopo due nulli trova un salto a 7.98 che non basta per la prima posizione e Salim Sdiri dopo ben 3 nulli deve assolutamente mettere la misura, così con un salto in sicurezza piazza un 8.05 che gli dà il secondo posto. Con tre salti nulli per pochissimo Trentin non riesce a migliorarsi e chiude al quarto posto.

asta
Anna Rogowska dall’alto della sua leadership stagionale entra in gara a 4.50 quando è rimasta in gara solo la tedesca Hingst che supera la misura al primo tentativo. Brividi per la squadra polacca perché la Rogowska è riuscita a superare 4.50 solo al suo ultimo tentativo. La competizione finisce alla misura successiva 4.60 con l’eliminazione della tedesca. La Rogowska prova il personale a 4.80 ma non è la Isimbayeva, e si vede, sbaglia per tre volte. Da qualche anno la Romania non schiera nessuna atleta nell’asta così l’ultimo posto di fa guadagnare alla squadra italiana 2 punti.

peso
Il tedesco vince la gara con 20.76, secondo una garanzia nelle gare importanti Manolo Martinez 20.28, a pochi centimetri il ceco Stehlic con 20.24. Settimo Dodoni deludente con 19.15.

Disco
I primi due posti sono ancora un affare fra Spagna e Germania stavolta a ruoli invertiti: primo Pestano con 66.29 e secondo Mollenback 64.12. Terzo Diego Fortuna con 61.06 che, grazie a una gara regolare, riesce a superare Molina (che ha lanciato la sua stessa misura).

triplo
La Martinez in un crescendo di misure si ferma a 14.54 ventoso che le da il terzo posto. Prima meritatamente Anna Pyatikh con 14.72 anche perché il suo primo salto (piuttosto buono) è stato considerato nullo nonostante dal replay televisivo si vedesse chiaramente che il suo piede non aveva neppure sfiorato la plastilina. Seconda la greca vice campionessa olimpica Hristophy Devetzi.

Giavellotto
Steffi Nerius stravince con 64.59. L’italiana Zahra Bani ha fatto volare il giavellotto a 61.66 al secondo tentativo, quando ormai il secondo posto sembrava assicurato la polacca Madejczyk all’ultimo lancio ha fatto il record nazionale 61.72 scalzando l’italiana dalla seconda posizione. Lontana quinta la greca Mirela Manjani ferma a 57.21.

fonte: RAI/sito manifestazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *