ITALIANI ALLIEVI-E PRIMA GIORNATA DI GARE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Prima giornata di gare alla finale allievi per società che si stanno tenendo a Modena, dominata dagli atleti della velocità. Daniele La Naia, classe 1988 della Riccardi Milano, ha vinto sui cento metri stabilendo il suo record personale con il tempo di 10.96, vento a + 0.9, dietro di lui Nicoli Trimboli dell’atletica Bergamo 1959 con 11.09, La Naia dopo uno stop dalle gare d’alcune settimane è arrivato al suo primato con estrema facilità il suo precedente personale era di 11.13, è seguito dal tecnico Alessio Conti da oltre cinque anni, è non ha voglia di esagerare ma dalle sue parole, vuol continuare così. In campo femminile l’atleta della Ca.Ri.Ri Jessica Paoletta ha vinto con il tempo di 11.99 (vento a + 1.2) al secondo posto Francesca Ramini dell’Atl. Sport Fermo con 12.50, nei 100 ostacoli allieve, Novelli Caterina, della Camelot Milano, ha fatto fermare il cronometrosul tempo di 14.96, seconda Benedetta Propenzi con 14.97 della Sport Atl. Fermo, sempre in campo femminile nei 400 metri piani la vittoria è andata a Claudia Maniero, dell’Atletica Brugnera prima con il tempo di 56.73, seconda Elena Bonfanti 56.97 dell’Atl. Lecco Colombo Costruzioni. Altro risultato di rilievo viene dai dieci chilometri di marcia, dove Matteo Giupponi dell’Atletica Bergamo, ha vinto la gara con il tempo di 45.11.88, il giovane marciatore allenato da Sala Ruggero, ha un personale di 44.50 e nonostante uno stop per dei problemi alla schiena, è riuscito a ritornare in forma al punto da essere uno dei sicuri convocati per i mondiali allievi che si terranno in Marocco nel prossimo mese. Altro risultato di rilievo viene dal lungo maschile dove l’atleta delle Fiamme Gialle, Emanuele Catania ha vinto la gara con la misura di 6 metri e 82, dietro di lui Gabriele Buttafuoco, della Riccardi Milano, con la misura di 6 metri e 65.La classifica vede, in campo maschile, l’Atletica Bergamo 1959 ipotecare il titolo di campione d’Italia, con 107 punti, segue staccata di oltre 24 punti, la Toscana Atletica con 83.5 punti, terza la società delle Fiamme Gialle con 81 punti. In campo femminile la lotta per il titolo è ancora più accesa dopo la squalifica della staffetta 4×100 dell’Atletica Bergamo 1959, che vede in parte sfumare le sue possibilità di una doppietta, al primo posto vi è la Camelot con 83 punti segue l’Atletica Giuliana 82 punti e l’Atletica Sport Fermo con 79 punti.

fonte: Fratellanza 1874

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *