ULTIME DAL SUDAMERICA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Prosegue l’attività su pista in Sudamerica. Dal Brasile al Venezuela una breve rassegna dei migliori atleti e delle future speranze dell’atletica leggera messisi in evidenza nelle ultime competizioni

Brasile
I campionati brasiliani per club sono stati l’evento clou dell’ultima settimana nel paese della samba. In quel di San Paolo, dal 16 al 19 luglio, presso il complesso sportivo Ibirapuera Park, si è disputato infatti il “Trofeo Brasil Caixa de Atletismo” che ha radunato i migliori rappresentanti del movimento atletico brasiliano. Tra le diverse buone prestazioni ottenute, risplende su tutte l’ennesima impresa del triplista Jadel Gregorio, ad oggi il migliore della specialità a livello mondiale. Ancora una volta Gregorio ha calato l’asso nell’ultimo salto, con un triplo balzo a 17,73, (vento +1 m/s) nuovo primato personale e consolidamento ai vertici della specialità quest’anno.
Testa a testa sino all’ultimo metro nei 110 hs tra i due talenti brasiliani Inocencio e Dos Santos. La spunta per un solo centesimo il primo, in 13”34. Bene i 400 hs maschili con tre uomini sotto i 50”. Vittoria finale per Tiago Florencio Bueno in 49”59.
Tra le donne buone prestazioni per la quattrocentista Lucimar Teodoro. Per lei un doppio successo su 400 e 400 hs, con tempi di buon valore, consistenti rispettivamente in 51”23 e 56”12. A questi si è aggiunto sul finale anche il contributo decisivo dato alla staffetta 4×400 per la vittoria della sua squadra, la Brasil Telecom- Botucaru, in 3’29”63.
Discreti risultati dalla velocità. Tra gli uomini si impone l’olimpionico De Lima, autore di un doppio primo posto su 100 e 200, in 10”23 e 20”44. In campo femminile è Lucimar Aparecida De Moura a trionfare su entrambe le prove veloci: crono interessanti con 11”26 e 22”75.
Fabiano Pecanha fa man bassa nel mezzofondo con il doppio successo su 800 e 1500, rispettivamente in 1’47”00 e 3’45”38.
Chiusura della manifestazione riservata all’addio alle piste di uno dei massimi esponenti della velocità brasiliana: Cludinei Quirino Da Silva, atleta da 19”89 nei 200 e 10”12 nei 100, argento olimpico a Sydney 2000 in 4×100, bronzo mondiale ad Atene 97 e argento a Siviglia 99 in entrambi i casi nei 200.

Argentina
Dopo la vittoria ai Campionati italiani di società di Cesenatico ai danni del nostro Giuseppe Gibilisco, prosegue l’avventura europea di German Chiaraviglio. Il giovane talento argentino del salto con l’asta, dopo aver saltato 5,50 in Italia, si è fermato a 5,20 a Praga in una manifestazione dedicata appositamente alla disciplina di salto verticale. Altro argentino tesserato in Italia è il discobolo Jorge Balliengo, in grado di lanciare a Cesenatico lo scorso 11 giugno a 61,85.
Nella velocità continua il dominio di Jarbas Mascarenhas, capace di correre finora in 10”23 nel meeting di Cochabamba e 2450 metri di quota. Sempre in quella sede da segnalare la vittoria nel salto in lungo del venezuelano Victor Castillo, arrivato ad un passo dal record sudamericano con 8,34.
Arrembaggio di argentini anche nei meeting europei. In Spagna, ad Alcalà, si sono distinti la saltatrice Solange Witteveen nell’alto con 1,85 ed il suo compatriota Gustavo Aguirre nei 400 con 46”67. A Bilbao Miguel Angel Bárzola è finito sesto nei 10000 metri con 30:03.31.

Venezuela
Fine settimana dedicato al settore giovanile in Venezuela con i campionati nazionali di San Carlo de Cojodes. Su tutti si segnala il record nazionale di Keisa Monterola arrivata a quota 4,25 nel salto con l’asta, in costante miglioramento nell’ultimo periodo. Record nazionali di categoria anche nell’heptathlon con 4581 punti, e Luis Rodriguez nel martello con 57,85.

Colombia
A Bilbao buone prove dei colombiani: Harlin Hechevarría terzo nei 100 con 10.62, Javier Mosquera secondo nei 400 con 47.29, Rosibel García seconda negli 800 con 2:03.12 e Felipa Palacios, vincitrice dei 200 con il suo miglior tempo della stagione di 23.44.

Cile
sabato 18 giugno si è disputata la tappa del grand prix, categoria junior, presso lo stadio di Lima. Diversi i giovani messisi in evidenza. Tra questi il cileno Alex Tapia, campione panamericano nei 10 km di marcia, capace di abbassare il limite nazionale in pista portandolo a 43:05.05. Altro record nazionale cileno con Gary Osorio nel martello, che ha scagliato l’attrezzo a 61.61.
Buone prove anche dal venezuelano José Peña con 9:14.30 nei 3000 siepi e dell’ecuadoriano Francisco Aguirre nei 400 con 49.03.

fonte: Consudatle,CADA – Foto: Consudatle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *