10.000 CON FOTOFINISH AI TRIALS AMERICANI CON UN INCREDIBILE TRAGEDIA PRIMA DELL’INIZIO DEI GIOCHI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Le gare di corsa hanno visto andare in scena nei diecimila metri, il duello dei due volte compagni di squadra ai giochi olimpici, Abdi Abdirahman e Meb Keflezighi , la gara è stata appannaggio dei due sin dai primi metri, con il campione dell’annata 2001 dei trials, Abdirahman, che ha dato fuoco alle polveri cercando di scrollarsi di dosso la medaglia d’argento olimpica sulla maratona, Meb Keflezighi , ma questo ultimo è riuscito a stare dietro l’avversario per tutta la gara. Il passaggio ai cinquemila metri è stato di tutto rispetto, con il cronometro che segnava 14.03, dietro di loro il vuoto, la medaglia olimpica ha cercato di risolvere la gara quando mancavano poco più di nove giri al termine della stessa ma nei 800 metri finali Abdi Abdirahman, ha ripreso la testa della gara, è in quel momento si è capito che tutto si sarebbe risolto nell’ultimo giro di pista. In virtù del suo record sulla distanza e dei tre titoli detenuti sulla stessa, tutti si aspettavano la vittoria di Keflezighi, ma nel rush finale Abdi Abdirahman è riuscito ad avere la meglio per pochi centesimi di secondo quasi un fotofinish da velocisti che ha diviso i due contendenti di pochi centesimi, con Abdirahman che ha chiuso la gara in 28.10.38 e Keflezighi in 28.10.57 , dietro si è classificato al terzo posto Matt Downing in 28.34.65.
Il disco femminile è andato in scena in contemporanea con i 10.000 metri maschili ed ha visto andare in scena un insolita gara con la favorita, la giovane campionessa del Nebraska, Becky Breisch , tenere la testa della gara per i primi tre lanci per poi scivolare dietro in quarta posizione dopo che la quattro volte campionessa dei trials, Seilala Sua, Aretha Thurmond e per finire Suzy Powell l’avevano superata. Nonostante la giovane età, 22 anni, Becky Breisch dove qualcun altro si sarebbe arreso è riuscita a trovare nell’ultimo lancio la forza per piazzare un lancio da 62.92 metri vincendo nell’ultimo e decisivo tentativo. Nel salto in alto femminile è andata in scena una gara normale che vedeva però in pista un’habitue dei meeting indoor di Modena, Erin Aldrich , ex olimpionica a Sidney che vive e gioca in una squadra di pallavolo di Reggio Emilia, la Aldrich è giunta solo quarta, con un modesto 1.85, mancando di poco gli 1.90 nonostante la misura fosse alla sua portata, la gara è andata a Amy Acuff che l'ha vinta con 1.90 fatto al primo tentativo al secondo posto, Chaunte Howard che ha superato la stessa misura ma solo alla seconda prova, terza Sharon Daycon 1.90 superato al terzo tentativo
Purtroppo dai trials arrivano anche brutte notizie , durante un allenamento, un atleta del lancio del peso avrebbe colpito alla testa Paul Suzuki, giudice di gara, un professionista di questo sport, purtroppo sono risultati vani i tentativi di soccorso e a nulla è valsa la corsa in ospedale, Paul Suzuki è morto durante il trasporto verso il pronto soccorso, la federazione americana non ha ancora rivelato il nome dell’atleta coinvolto nel tragico incidente.

fonte: Usa track and Field. Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *