A PARIGI COMINCIA LO SHOW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Chi? …lo scopriremo… solo al termine del circuito:
Parigi– venerdì, 1 luglio
Roma– venerdì, 8 luglio
Oslo– venerdì, 29 luglio
Zurigo– venerdì, 19 agosto
Bruxelles– venerdi, 26 agosto
Berlino– domenica, 4 settembre

In palio c’è come ogni anno un jackpot unico di 1 milione di dollari che sarà diviso fra chi (uomo o donna) riuscirà a vincere sei gare su sei nella propria specialità. Lo scorso anno ci sono riusciti Christian Olsson nel triplo e Tonique Williams-Darling nei 400 metri piani

Le discipline che possono portare al jackpot sono le seguenti:
Uomini – 100m, 800m, 1500m o miglio, 3000m o 5000m, 110m ostacoli, salto in alto, lancio del giavellotto.
Donne – 100m, 800m, 3000m o 5000m, 400m ostacoli, salto triplo.

Allo Stade de France di Parigi Saint-Denis comincia il primo passo verso il jackpot. I 70000 spettatori attesi allo stadio non potranno annoiarsi. Potranno supportare l’idolo di casa Christine Arron e vedere Kenenisa Bekele che tenta di migliorare il suo record del mondo dei 5000 metri.
Million Dollar Mutola ancora alla caccia del jackpot sugli 800 metri, a cercare di impedirglielo fra le altre Cherkasova e Ceplak.
E ancora sfide sui 1500 metri tra il neo-americano Bernard Lagat e il francese Medhi Baala e la schiera dei keniani.
Ci saranno quattro campioni olimpici: Stefen Holm nell’alto, Andreas Thorkildssen nel giavellotto e Francois Mango Etone nel triplo che dovrà vedersela con la sua rivale Tatiana Lebedeva.
Nei 110 ostacoli la sfida fra Allen Johnson che ha il miglior tempo dell’anno e Liu Xiang campione olimpico e co-primatista mondiale.
Fuori dalle gare per il jackpot bella la sfida sui 400 metri fra la Guevara e la Williams con un occhio attento alle forti statunitensi.
Nel salto con l'asta l'addio alle gare del francese campione olimpico di Atlanta 96 Jean Galfione.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *