CONTE BUTTA ANCORA FANGO SUL MONDO DELLO SPORT

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

L’atletica leggera mondiale sta per essere di nuovo scossa da uno scandalo che forse tormenterà l’estate, e questo in vista dei mondiali di Helsinki non è sicuramente di buon auspicio.
Torniamo a parlare di doping e torniamo a parlare di America riaprendo una ferita ormai abbastanza grande per essere curata.
Victor Conte, direttore del laboratorio chimico BALCO di S. Francisco, ha ammesso di aver distribuito steroidi a più di 30 atleti americani tra cui Marion Jones, Kelli White and Tim Montgomery, di sicuro alcuni dei più forti e dei più rappresentativi dell’ America.
Ha specificato inoltre di aver fornito a Jones EPO, ormoni e insulina tra l’agosto del 2000 ed il settembre del 2001; ha detto inoltre che lui le era affianco durante le iniezioni e dava istruzioni su come usare quelle sostanze ed ha aggiunto che lei non voleva mandare giù nessuna pastiglia ma solo iniezioni nel quadricipite.
Marion Jones ha risposto che le affermazioni di Conte non sono credibili e solo in tribunale lei dirà come stanno le cose e ha già contattato il suo avvocato per preparare una accusa di diffamazione per Conte.
Quest’ultimo ha dichiarato di fronte al rappresentante federale di S. Francisco di aver riciclato denaro sporco tramite le vendite dei prodotti ed avrebbe tre collaboratori pronti a testimoniare l’utilizzo di sostanze dopanti da parte degli atleti americani su detti.
Così l’atletica torna a tremare dopo le diverse vicende sul doping che hanno circondato lo sport in questi ultimi anni.
Proprio nei giorni in cui si svolgono i mondiali under 17 e gli europei under 23 gli atleti che rappresentano il futuro dell’atletica si confrontano tra sogni e speranze e paure, e sicuramente le voci provenienti dall’america non sono esempio per i giovani che stanno crescendo in uno sport come quello dell’atletica che sicuramente non ha bisogno di doping per sopravvivere.
Così l’atletica americana e mondiale si prepara ad entrare in un’estate fatta di tribunali e interrogatori sperando che l’arrivo imminente dei campionati del mondo cancelli questi brutti momenti e faccia vivere giornate di emozione nello spirito di competizione puro che circonda questi avvenimenti.

fonte: IAAF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *