ELISA CUSMA LA NUOVA STELLA DEL MEZZOFONDO ITALIANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Elisa Cusma ad un passo dai mondiali, solo cinque centesimi la dividono dal minimo per partecipare ai mondiali di Helsinki, Mercoledì sera al meeting di Nuoro, il Memorial Paolo Delogu, ha stabilito il suo nuovo primato personale sugli 800 metri di 2:01.35, la giovane atleta appena ventiquattrenne allenata da Claudio Guizzardi ha iniziato a Modena l’attività agonistica, diplomata in agraria, veste ora i colori del gruppo sportivo dell’esercito, con i gradi di caporale, spinta allo sport, ed in particolare a correre da suo padre, Lucio Cusma, un ex pugile campione europeo della categoria pesi leggeri, ha mosso i suoi primi passi nella società del Cittadella Modena, e a distanza di qualche anno, nonostante dimostri un carattere schivo, è riuscita a divenire una delle migliori mezzofondiste sulla distanza degli 800 metri, conquistando il titolo di campionessa italiana 2005, vincendolo d’autorità. La sua è una corsa grintosa che trova negli ultimi metri di gara, quando perfino l’aria sembra divenire un muro invalicabile, la via per abbatterlo quasi prendendolo a pugni. Originaria di Castelfranco Emilia, l’atleta è passata in meno di tre anni dal suo vecchio limite di 2 minuti e 12 secondi stabilito nel 2002 al suo nuovo primato nel 2005 che la porta ad essere una delle poche favorite a poter abbattere la fatidica soglia dei 2 minuti, il record italiano 1.57.66, è datato nel lontano 1980 ad opera di Gabriella Dorio, medaglia olimpica ai giochi di Los Angeles nel 1984. Questo sembra essere il suo sogno nel cassetto ed il fatto di poter rimanere fuori dai mondiali per solo cinque centesimi di secondo potrebbe mandare su tutte le furie qualcun altro, ma la Cusma dimostrando una stoffa ed un carattere senza pari, non se ne rammarica, segno questo che la giovane atleta di Castelfranco Emilia guarda molto più lontano, quella marcia in più che fa la differenza tra un campione ed un dilettante.

fonte: Anet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *