BRUXELLES 28-8-05 – MEMORIAL VAN DAMME MEETING – TDK GOLDEN LEAGUE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Quasi 50.000 spettatori in delirio per l'annunciata, attesa, puntuale replica di un ragazzo che a 23 anni e' gia' nella leggenda del mezzofondo. Con il tempo di 26'17″53 Kenenisa Bekele lima di circa 3 secondi il suo record dei 10.000 metri al termine di una gara scandita da ritmi impressionanti ma regolarissimi. Il treno dei pacemakers, condotto dal fratello Tariku, ha condotto il campione mondiale ai 5000 meti con un vantaggio di 5″ sulla tabella di marcia. Dal 6° km Kenenisa ha dovuto fare da solo, centellinando il suo vantaggio con passaggi attenti fino al giro finale, chiuso in 57″. Altri 5 atleti sono scesi sotto il muro dei 27', incluso il giovane keniano Samuel Vanjiru, che ha demolito cosi' di oltre 20″ il record mondiale junior (26'41″75).

Si continua col mezzofondo stellare ed e' ancora Etiopia a condurre la danza con le ragazze nei 5000 m. Assente Tirunesh Dibaba e' la vicecampionessa Meseret Defar a guidare un quartetto composto dalla Dibaba senior Ejegayehu, da Berane Adere e dalla keniana Isabella Ochichi. Alla campana solo la Adere puo' rispondere all'allungo della Defar, che ai 200 m finali sprinta ancora pe la vittoria e per un 14'28″98 che e' la terza prestazione all-time e nuovo record d'Africa.

Miglior tempo dell'anno per Saif Shaheen (7'55″51) al termine di una gara tirata su ritmi subito altissimi anche con il contributo dell'olandese Simon Vroeman, che chiudera' in 8'04″95, nuovo record europeo! Il fortissimo atleta del Qatar ha lasciato la compagnia del guppo a tre giri dalla fine e forse ha un po' pagato questa scelta mancando di due secondi abbondanti il ritocco al suo record mondiale.

Continua la sua tabella di marcia verso il jackpot milionario la russa Tatiana Lebedeva, anche ieri vincitrice nel triplo, di nuovo davanti alla campionessa mondiale Trecia Smith. Ormai i 15 m sembrano non essere piu' nelle gambe delle ragazze ed e' bastato il primo salto a 14,80 per ipotecare la gara, chiusa poi con il 5° balzo a 14,94.

Un po' di rammarico invece forse per Christine Arron, tornata al successo nei 100 m, sempre sotto gli 11″ (10'97 ieri) ma ormai la sua serie milionaria si e' interrotta a Zurigo qualche giorno fa.
Rivincita per Lashinda Demus: nei 400 hs ha battuto la campionessa mondiale Pechionkina, terza dietro anche l'altra americana Sandra Glover.

Infine scintille nella pedana dell'asta tra la Isinbayeva e la polacca Rogowa.
La russa ha fallito di poco l'ennesimo ritocco centimetrico della sua misura mondiale vincendo la gara a 4,93 ma la polacca ha alzato di un centimetro il suo fresco primato nazionale arrivando a 4,83.

fonte: IAAF

ALLEGATO: ANet_news_I_risultati_completi_27.8.2005.txt (9 Kb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *