TEMPO DI CAMPESTRI GLI AMERICANI AL VIA.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Una breve parentesi ed è gia tempo di gare per l’atletica, nella fattispecie è tempo di campestri nel Nord America e nei paesi latini, i vari comitati del continente americano dal Canada in giù stanno organizzando i vari campionati nazionali che poi li porteranno il 31 Marzo 2006 a Clermont, Florida alla seconda edizione dei NACAC Cross Country Championships (North American and Central American Athletics Association), l’atletica americana con i suoi clubs e le sue federazioni non fa sconti e si prepara febbrilmente all’evento. I primi ad aver aderito al campionato della nascente federazione continentale sono i canadesi che vedranno i loro campionati andare in scena il 3 Dicembre 2005, a quest’evento ci si prepara più che come ad una competizione come ad una festa con vari premi collegati alla manifestazione, le gare, vedranno impegnati atleti delle categorie giovanili ai Master, passando per gli amatori e arrivando ai cittadini stranieri con speciale classifica a parte, il tutto sarà inaugurato con un sontuoso Pasta Party la sera prima delle competizioni. Gli statunitensi più pragmatici, iniziano a far riscaldare la loro macchina sforna atleti composta dalla catena di College che formano una elite denominata, Big Ten, che dal 1896 sostiene lo sport legato all’istruzione con circa 63 milioni di dollari in aiuti per sostenere questo concetto. Ai college seguiranno i campionati statunitensi dei migliori club del paese che vedranno il loro svolgimento il 19 Novembre a Genesee Valley Park di Rochester, una località dello stato di New York, mentre il 10 Dicembre alla Bryant University, sita a Smithfield, andranno in scena i campionati a stelle e strisce Juniores. L’epilogo delle varie manifestazioni avrà luogo nei campionati del mondo che si svolgeranno a Fukuoka in Giappone dal 1 al 2 Aprile, questo mentre l’Italia sembra ancora segnare il passo, infatti, l’organizzazione dei campionati di società è stata rifiutata perché giudicata troppo onerosa da una società civile come La Fratellanza Modena che ne ha declinato l’offerta, alla crisi di Helsinki si aggiunge quello che sembra stare diventando un adagio nel nostro paese, organizzare l’atletica come sport è cosa da pensionati, perché sono gli unici che possono dedicare del tempo per organizzare delle gare. Alla festa dello sport che dalla Cina alle americhe inizia a scaldare i muscoli, l’Italia da ancora segnali di sbandamento.

fonte: NACAC, USATF, IAAF Anet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *