MODENA INAUGURA LA PISTA INDOOR

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

L'inaugurazione della pista indoor si è trasformata in una festa, una celebrazione che ha unito personaggi più o meno illustri del mondo sportivo nazionale e locale in cui sembrava riecheggiare il vecchio motto della Fratellanza “Nemici sui campi di gara ma fratelli ovunque. Un momento di solidarietà in cui si è ricordato uno dei nostri fratelli, compagno di mille gare, che il destino ha voluto separare da noi prematuramente pochi mesi fa.

All'assessore allo sport, Antonino Marino, il compito di presenziare il momento più toccante della cerimonia, quando è stata intitolata la sala muscolazione a Mario Ansaloni, molti gli intervenuti all'inaugurazione per ricordarlo un ultima volta. Nel suo discorso l'assessore Marino ha inteso rilevare come gli ideali della Fratellanza hanno reso questo ragazzo, come tanti altri nati tra le fila di quest'ultracentenaria società, un personaggio che si differenziava dagli altri per avere una marcia in più, per la sua umanità che lo portava ad operare in mille campi dal sociale al volontariato, allo sport. L'inaugurazione della pista indoor e poi continuata con una cerimonia presenziata dal sindaco della città di Modena il dott. Giorgio Pighi che insieme alla medaglia d'oro olimpica sulla maratona alle Olimpiadi d'Atene 2004, Stefano Baldini, ed ai numerosi presenti, hanno fatto della cerimonia di inaugurazione un momento da ricordare.

Il Sindaco con Stefano Baldini e il presidente della Fratellanza, Alfredo Roma, hanno poi tagliato il nastro di rito che ha ufficialmente inaugurato la struttura, subito dopo il primo cittadino nel suo discorso di rito ha inteso ricordare come in questo periodo difficile per le pubbliche amministrazioni, il Comune di Modena non è voluto venire meno nell'aiutare quello che è considerato come uno dei patrimoni storici di Modena. Il presidente della Fratellanza 1874, Alfredo Roma, nel ringraziare l'amministrazione della città ha affermato che è ben conscio del difficile momento che il nostro paese sta attraversando, in un momento di tagli, in cui lo sport è visto non come una risorsa sociale ma un peso, ed è comunque grato alla pubblica amministrazione della città di Modena che ha capito che questa società e strutture come quelle in cui hanno sede molte realtà come La Fratellanza 1874 sono un valore da salvaguardare, volendo vorrebbe di più, per aiutare a crescere i ragazzi che si allenano nell'impianto modenese, la pista esterna ed i vecchi spogliatoi dovrebbero essere potenziati, ma questo al momento e tutta un'altra storia.

Stefano Baldini in un discorso sintetico, ha voluto ringraziare le autorità, sia sportive che politiche, perché lui è uno degli atleti che usano l'impianto indoor, ed in giornate invernali come quelle che stiamo affrontando, che si può fare la differenza grazie a strutture come quella di Modena. Il professor Luciano Gigliotti prendendo la parola ha invitato sul palco gli atleti che in questi anni hanno fatto parlare sia di sé, atleti che utilizzano l'impianto, da Baldini a Maria Guida, passando per Elisa Cusma, Mohamed Moro, Jens Amanfu, Claudia Salvarani, Alessandro Lambruschini arrivando al piccolo Ivan figlio di Lambruschini quasi a voler rappresentare il futuro. La struttura indoor è stata uno delle prime realizzate in Italia ed è diventata nel tempo un punto di riferimento sia per l'atletica italiana che per le società di Modena e dell'Emilia Romagna che usano l'impianto indoor nei loro allenamenti e nelle gare, infatti, in inverno, l'impianto indoor si ritrova ad essere un'oasi per molti atleti della città e della regione, in molti riescono a far maturare le proprie velleità sportive presso la costruzione di Via Piazza; dal tiro con l'arco al salto con l'asta, dalla sala pesi per i lanciatori alla pista per gli sprinter dell'Emilia Romagna.

L'impianto indoor oltre ad essere un rifugio per gli atleti è uno degli impianti in cui si organizzano gare che sono diventate nel tempo un punto di riferimento anche per atleti d'oltre alpe come svizzeri croati sloveni ecc. Tra le tante società sportive che usufruiscono della struttura indoor ricordiamo alcune come La Fratellanza 1874, Mollificio Cittadella Modena, Onlus Asham, Rugby Modena, Pentathlon Modena, Triathlon Avia Pervia. Alla cerimonia erano presenti molti personaggi del mondo della comunicazione, da Antoine di TRC che faceva da cicerone alla manifestazione ad Antonio Farnè di Rai 3.

fonte: La Fratellanza Modena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *